IO SONO UN NO-SEM (con una postilla)

«Ma perché dovrebbe esserci una seconda ondata di contagi?  ‘Sta roba che stanno dicendo, ‘attenzione!, attenzione!, e a ottobre, e a novembre’: è inutile continuare a terrorizzare le persone!». Matteo Salvini, virologo profeta padano, “aria pulita”, 25 giugno 2020

“IO HO DECISO, NON MI FERMO AI SEMAFORI!
Io sono un NO-SEM.
Cioè, se tu vuoi fermarti ai semafori, liberissimo, mica te lo proibisco. Ma io no.
Il semaforo limita la mia libertà di movimento e la mia libertà di scelta individuale. Cose previste dalla Costituzione e dal trattato di Schengen, libertà di circolazione, avete presente?
Io ammiro chi crede davvero che i semafori siano stati concepiti per la nostra “sicurezza”. Sul serio, capisco chi pensa che la vecchietta che attraversa la strada e non finisce sotto la mia macchina, poi PER QUESTO motivo campi altri cent’anni. E’ una cosa che ci hanno indotto a credere da sempre, indottrinandoci ben bene a partire dai nostri genitori (servi inconsapevoli, ahiloro).
Che poi, quelli investiti sulle strisce, siamo sicuri che non avessero altre patologie? Il 70% aveva problemi cardiaci, o problemi respiratori da raffreddore….sono morti PER schiacciamento da auto o CON schiacciamento da auto, ma prima o poi sarebbero morti lo stesso? Non ce lo dicono…..
Fatto sta che nessuno sottolinea mai quanto i semafori consumino elettricità (SOLDI NOSTRI), deturpino il paesaggio e discriminino i daltonici, perché queste sono verità scomode.
E il mainstream non vi verrà mai neanche a dire che ci sono fior di studi SCIENTIFICI che dimostrano al 100% che se un’automobile o un motorino va a forte velocità contro il palo di un semaforo si schianta col rischio anche di MORTE. C’è tutta una letteratura al riguardo per cui i morti contro i pali dei semafori sono milioni. Però i media ne parlano bene e le autorità li impongono cercando di farci passare i semafori come una cosa per il “nostro bene”. (ah ah, sì vabbe’).
Si sa da tempo immemore che anche se una persona a piedi sbatte su un palo di semaforo poi ha delle conseguenze anche permanenti.
Ecco, tutto questo e tanto altro dovrebbe bastare ma non mi interessa fare proseliti, io racconto solo la verità, poi voi fate come volete, intanto io penso con la mia testa pur continuando a prendere multe e sanzioni perché ovviamente vado contro il sistema.
No problem, io proseguo nella mia battaglia illuminata e dico:
No, grazie, io non mi fermo ai semafori”.
(Grazie Amicojo)

[dalla Rete]

[POSTILLA: Apprezziamo lo spirito surreale che anima la Rete e schernisce il negazionismo che parla a vanvera della “libertà”, senza sapere neppure cosa sia. Purtroppo, però, dato che l’idiozia della realtà anticipa la fantasia, dobbiamo constatare che da un paio di decenni l’ignoranza e spesso la malafede hanno distorto l’uso dei concetti e delle parole. Ricordiamo con dispiacere che un liberaloide come Piero Ostellino, imperante un truffatore/corruttore, scrisse un articolo sul Giornale di questo pregiudicato per sostenere la tesi che anche il rosso del semaforo limitava la sua libertà.       e.ma.]

Un commento su “IO SONO UN NO-SEM (con una postilla)”

  1. Come tutti i “media” anche questa va interpretata, fra i NO VAX e i SI VAX bisogna stare attenti a ciò che leggiamo.
    In questo caso sono d’accordo è un esempio lampante e chiaro ma sicuramente i no vax avranno da ridire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *