PER UNA REPUBBLICA EUROPEA

Un  presidio si terrà sabato 10 novembre dalle 12 alle 13 in piazza ss Apostoli a Roma e fa seguito all’adesione della nostra associazione EuropaNow! al’iniziativa intitolata “European Balcony Project” – ideata dalla politologa tedesca Ulrike Guérot e dallo scrittore austriaco Robert Menasse – che ha per obiettivo, a 100 anni della fine della prima guerra mondiale (l’11 novembre 1918) e in concomitanza con l’anniversario della caduta del muro di Berlino (il 9 novembre 1989), di affermare che i cittadini europei non vogliono solo commemorare la storia ma riprendere in mano il loro destino

Dal teatro di Weimar e in diversi teatri e piazze europei, nel corso delle iniziative sarà letto il testo che si può trovare su (https://europeanbalconyproject.eu/en/manifesto). Si vuole riaffermare che l’Europa degli Stati nazionali è fallita e che la risposta è fondare una Repubblica Europea basato sul principio di una reale uguaglianza politica e democratica. All’iniziativa hanno aderito tra l’altro Etienne Balibar, Carolin Emcke, Srecko Horvath, Elfriede Jelinek, Milo Rau e Saskia Sassen. Naturalmente aderiscono anche “gli stati uniti d’europa” e la Fondazione Critica liberale. 

Uguaglianza vuole dire che i cittadini europei debbono poter disporre degli stessi diritti in materia politica, fiscale e sociale. L’Europa di oggi prevede prevalentemente diritti economici (libertà di movimento dei merci e dei capitali).

Attraverso la battaglia per una Repubblica europea e federale (gli Stati uniti d’Europa) si afferma il principio di chiedere il diritto di scegliere direttamente i nostri rappresentanti al governo europeo, di dotarsi di uguali diritti sociali (l‘Europa esisterà davvero quando saranno stabiliti dei veri meccanismi di solidarità tra i cittadini/e a cominciare da una assicurazione di disoccupazione europea quindi, a termine, una sistema sociale europeo), di avere gli stessi diritti e doveri fiscali (ad esempio il tasso delle imposte sulle imprese va da 33% in Francia a 12,5% in Irlanda e a Cipro), diritti ambientali, diritti culturali cioè uguale accesso alla cultura, diritti delle donne e delle coppie Lgbt ovunque in Europa, diritto alla sanità, diritto ad una giustizia equa, indipendente e efficace contro la corruzione (aspetto essenziale in particolare nell’Europa centrale e orientale) e diritto all’Educazione con l’Erasmus per tutti/e. 

Europeo è chi vuole esserlo.

A priori, l’appello che metteremo sul nostro sito sarà del tipo:

“Non lasciamo sfasciare l’Europa ma cambiamola, rivoluzioniamola, per un’Europa più unita, fraterna e solidale.

Il 10 novembre, cento anni dopo la fine della prima guerra mondiale  e in concomitanza con l’anniversario della caduta del muro di Berlino proclamiamo la nascita della Repubblica europea.

Per un’Europa che non sia solo un’Europa delle nazioni e dell’economia, ma un’Europa dei cittadini e dell’uguaglianza dei diritti. Diritti politici, sociali, ambientali, culturali.

Il 10 novembre, sosteniamo il progetto dell’European Balcony in tanti teatri e piazze europei e partecipiamo a Roma all’iniziativa dell’associazione EuropaNow! che si terrà alle ore 12 in piazza SS Apostoli.

Siamo europei, vogliamo riprendere in mano il nostro destino.

Viva la Repubblica europea !”

 
 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *