Archivi tag: sinistra

LO SPLENDIDO ISOLAMENTO, OVVERO IL PARADOSSO DELLA SINISTRA

Pochi giorni dopo le elezioni del 5 marzo, quando cifre alla mano la formazione di un governo sembrava impossibile, scrivemmo qui che il Pd, se avesse voluto riacquistare un ruolo avrebbe dovuto prendere “per primo” l’iniziativa politica: «Non resta che un appoggio esterno a un governo Di Maio. Se avessero un briciolo di intelligenza i piddini dovrebbero essere loro a dettare subito le condizioni con un pacchetto di provvedimenti da realizzare nei primi sei mesi: alcuni urgentissimi rimedi di welfare; finalmente vere leggi contro il conflitto d’interessi, contro la corruzione, contro lo scandalo di una giustizia senza sanzioni e senza certezza della pena, che colpisce i disgraziati e lascia impuniti i colletti bianchi; correzioni radicali alla “buona scuola”; abrogazione della legge Renzi sulla tv; e una legge elettorale senza premi di maggioranza. La risposta sarebbe negativa da parte dei 5s? Forse. Ma allora si assumerebbero loro la responsabilità del fallimento e il Pd mostrerebbe di essersi affrancato da un passato demagogico e con tendenze persino autoritarie. Naturalmente temo che questo sia un sogno». Purtroppo avevamo ragione. L’unico torto fu di ipotizzare “un briciolo di intelligenza” nei pidioti.

Continua la lettura di LO SPLENDIDO ISOLAMENTO, OVVERO IL PARADOSSO DELLA SINISTRA

IN ATTESA DI MACARON

di gian giacomo migone

[anteprima di un editoriale del prossimo numero di “nonmollare]

Niente paura. In realtà sono un prestigioso notista politico, non importa di quale delle testate principali, o main stream, che ben conoscete. Firmo con uno pseudonimo, preso a prestito, perché, per una volta, intendo scrivere in chiaro quello che solitamente faccio leggere tra le righe.

La campagna elettorale dei soliti al comando sta andando a meraviglia. Tra costoro ci sono anche i proprietari del mio giornale, ma non ho bisogno di prendere ordini, li intuisco e talora li precedo. Alle prossime elezioni politiche – quelle europee potrebbero coincidere o servire per scaldare i muscoli – il nostro candidato, Macaron, sarà sicuramente il vincitore. Ciascuno sta facendo bene la sua parte.

 Salvini ogni giorno ne inventa una, mostrandosi razzista, fascistoide, ignorante quanto basta a rastrellare voti a sufficienza per costituire una credibile minaccia alla democrazia e all’Europa, ove si è alleato con alcuni della sua risma, ma sempre molto  attento a non ferire i nostri interessi duraturi.  

Continua la lettura di IN ATTESA DI MACARON

VACUO E AMORALE

Che il retore Veltroni pontifichi su quattro interminabili e poco lette e leggibili colonne di una disperata Repubblica (il quotidiano che lo ospita in modalità evangeliche ) sui massimi sistemi, partendo anche dall’assunto un po’ risibile  di essersi iscritto al PCI in quanto egli era kennediano (e ora anche ammiratore di Mac Cain  il senatore repubblicano defunto già combattente in Vietnam) fa riflettere sulla vacuità e ad un tempo amoralità di un ceto politico che non riesce a mettersi da parte nonostante sconfitte ingloriose prima che evidenti. Anche sul vuoto di una “sinistra” senza popolo ma anche acefala.

ACCECATI DAL FANATISMO

di franco pelella

Caro direttore, il modo con il quale gli aderenti al M5S stanno reagendo alle critiche espresse al curriculum del professor Conte è significativo dell’atteggiamento che essi hanno nei confronti dei loro avversari politici. La loro convinzione è che chi li critica è automaticamente un sostenitore di Renzi e del Partito Democratico, uno che non avrebbe espresso mai dubbi nei confronti dei governi Renzi e Gentiloni. Essi, accecati dal loro fanatismo, non prendono in considerazione l’idea che chi oggi critica il nuovo governo e i partiti che lo compongono può aver espresso in passato numerose perplessità nei confronti di coloro che oggi sono avversari politici del M5S.

Continua la lettura di ACCECATI DAL FANATISMO

LA PROPOSTA PIÙ OVVIA [di G. Migone]

di gian giacomo migone

LETTERA INVIATA A “LA REPUBBLICA ” E NON PUBBLICATA

Caro Direttore,
al dibattito dilatorio in corso sulla questione di governo manca la proposta più ovvia, nell’interesse del Paese (anche se adombrata, non a caso, da Virginio Rognoni e da Rosy Bindi): un governo monocolore del partito di maggioranza relativa (M5S) con l’eventuale appoggio esterno del PD e di LeU. Esso non presuppone alcun contratto di governo alla tedesca, bensì una conoscenza preventiva delle dichiarazioni programmatiche con cui il presidente del consiglio si presenterebbe al parlamento, per verificarne la compatibilità con i valori e orientamenti programmatici di chi sarebbe chiamato ad appoggiarlo. Ciò consentirebbe la formazione del governo di cui vi è urgenza, anche se esso dovrà di volta in volta trovare, se necessario negoziare, una maggioranza parlamentare per i propri provvedimenti. Se tale governo ritenesse vitale ai fini della propria sopravvivenza un determinato atto parlamentare, avrebbe a disposizione l’arma del voto di fiducia. Questa soluzione, alternativa ad una coalizione M5S-PD, che solleva tante resistenze,

Niente di strano. E’ la democrazia parlamentare, bellezza! Se il maggioritario ha il pregio – a mio avviso prevalente – di obbligare i soggetti in campo a coinvolgere i propri elettori in alleanze dichiarate, i sistemi proporzionali – o prevalentemente tali, quali il pur sciagurato Rosatellum – consentono quantomeno alleanze o anche singoli voti nella trasparenza del dibattito parlamentare, in coerenza con il nostro dettato costituzionale.

Questa soluzione, alternativa ad una coalizione M5S-PD, che solleva tante resistenze, avrebbe il vantaggio di evitare una discussione imperniata sulle poltrone ed altre posizioni di potere, spostando l’attenzione su impostazioni e misure programmatiche. Inoltre, non consentirebbe al M5S di effettuare ricatti rappresentati da elezioni politiche anticipate, in mancanza di chiarimenti politici, e alle forze di centro-sinistra, o presunte tali, di ripiegare su una coalizione di governo con le forze di centrodestra, travestita da governo di scopo, del presidente, o su altre formule suggerite dalla creatività italica, che segnerebbero il loro definitivo tramonto. E’ appena il caso di aggiungere che fare fronte ad un problema impellente nell’interesse dell’Italia non esime da una profonda autocritica e innovativa visione programmatica la cui mancanza ha lasciato l’elettorato di sinistra priva di rappresentanza, disperdendone forze ed energie, in una fase particolarmente critica della sua storia.
Gian Giacomo Migone