Archivi tag: Renzi

PERCHÉ’ RENZI E’ EVERSIVO

di paolo fai

Se è vero quanto asseriva George Steiner, nell’Introduzione di uno dei suoi libri migliori (ma si potrà mai fare una classifica di qualità tra la produzione scientifica di Steiner?), «La lezione dei maestri», che «le arti e gli atti dell’insegnamento sono, nel senso proprio di questo termine abusato, dialettici», perché «il maestro impara dal discepolo ed è modificato da questa interrelazione in quanto essa diventa, idealmente, un processo di scambio», è anche vero che, senza l’impulso magisteriale, le potenzialità responsive del discepolo rimarrebbero allo stato di latenza.

Che le cose stiano così, ne è prova l’impeccabile intervista che Gustavo Zagrebelsky ha rilasciato a Marco Travaglio per “il Fatto Quotidiano” (martedì 1 maggio 2018, pp. 4-5) sulla situazione politica di questi giorni, sullo stallo istituzionale dovuto alle difficoltà di fare un governo da parte di Di Maio per il veto posto da Renzi a qualsiasi forma di dialogo con i 5Stelle.

Continua la lettura di PERCHÉ’ RENZI E’ EVERSIVO

i danni fatti da renzi e de luca sono stati enormi

di franco pelella

Caro direttore, h__________o deciso di votare il Pd (turandomi il naso) perché avevo paura che i fascisti (e Berlusconi) conquistassero la maggioranza assoluta dei seggi e prendessero il potere. Per fortuna questo non è avvenuto. Ciononostante la debacle della sinistra c’è stata lo stesso perché a destra ha la maggioranza relativa mentre i Cinque Stelle sono diventati il primo partito. E’ evidente che molti elettori di sinistra (soprattutto nel Sud) hanno deciso di votare per i Cinque Stelle perché hanno ritenuto che questo Movimento potesse rappresentare un significativo elemento di rinnovamento della politica; è passata, purtroppo, in secondo piano l’ambiguità politica di Luigi Di Maio e degli altri dirigenti, che oscillano costantemente tra la destra e la sinistra.  

Continua la lettura di i danni fatti da renzi e de luca sono stati enormi

LE CATASTROFICHE BATTAGLIE PERSE DI RENZI

di franco pelella

Michele Serra ha ricordato mercoledì scorso, su “La Repubblica”, le date maggiormente simboliche della crisi del Pd e della leadership di Renzi. La prima data è il 23 novembre 2014, quando alle elezioni regionali dell’Emilia Romagna si dimezzò il numero dei votanti arrivando al 37 per cento. La seconda data è il primo giugno 2017, quando Antonio Campo Dall’Orto si dimise da direttore generale della Rai, impallinato dai cacicchi dei partiti (Pd compreso); quelle dimissioni costituirono la fine del sogno di autonomia del servizio pubblico e, quindi, la fine di uno dei cardini del renzismo. La terza data è il 19 giugno 2015, quando Fabrizio barca presentò il rapporto sullo stato del Pd romano. Michele Serra, però, ha dimenticato una quarta data, forse più importante delle altre. Si tratta del 15 novembre 2016, quando Vincenzo De Luca, in vista del referendum sulla riforma costituzionale, radunò presso l’Hotel Ramada di Napoli 300 sindaci campani del Pd. In quell’occasione il Governatore della Campania fece il famoso discorso della “frittura di pesce”. In pratica De Luca invitò i sindaci a portare al voto favorevole alla riforma costituzionale il maggior numero di persone possibile utilizzando qualsiasi mezzo o promessa, compresa una frittura di pesce. In quell’occasione divenne chiaro a tutta l’opinione pubblica nazionale che Renzi, in barba alla promessa di rottamazione, aveva stretto un’alleanza con il rappresentante più retrivo del vecchio notabilato meridionale.

 

TORNATE  A REGOLE SERIE, NON E’ PIÙ TEMPO DI TRUFFE

di enzo marzo

Sarà che sono passatista come Paolo Franchi, ma ho trovato il suo articolo sul “Corriere” tra i più sensati di questi giorni in cui non si smette di straparlare senza badare alla durezza dei numeri usciti dalle urne. Calenda, improvvisatosi di centrosinistra, se ne è uscito con un “basta con l’autoflagellazione”. Quando addirittura prima delle elezioni, e figuriamoci dopo, non si è parlato d’altro che delle maggioranze future, e i risultati sono stati archiviati senza uno straccio di analisi del perché si è scatenato lo tsunami.

Lotti, per dimostrare che è più sciocco di quello scioccherello del suo padrone, se l’è presa con la minoranza senza chiedersi come mai Renzi per anni si è costruito con pervicacia, masochisticamente, sconfitte su sconfitte. Senza che a trattenerlo per la giacca ci fosse qualcuno dei suoi famigli pensoso del proprio futuro. Altro che autoflagellazioni. Manca poco che nella mente vuota dei renziani tra qualche settimana si immagini il voto come il frutto di un destino “cinico e baro” o si pensi davvero a ridursi in una specie di Udc, in un plotone di avventurieri mercenari immerso nella palude centrista. Altrimenti tante dimissioni sarebbero dovute fioccare.

Continua la lettura di TORNATE  A REGOLE SERIE, NON E’ PIÙ TEMPO DI TRUFFE

però, alcuni passi avanti

di enzo marzo

Abbiamo perduto tutti. Il terreno degli sconfitti è pieno di cadaveri. E coloro che hanno vinto presto si accorgeranno che per loro giustamente comincerà una vita durissima. A noi resta la convinzione che non si può gestire la cosa pubblica senza la Politica. La campagna elettorale aveva dimostrato che la Politica aveva già perduto: il campo di battaglia era un deserto avaro di valori, di progetti , di tradizione ideale. E infatti ha vinto chi ha fatto copia/incolla del lepenismo e a destra è stato il solo a presentare una qualche disegno riconoscibile, e chi ha raccolto i regali provenienti per decenni dall’intera classe politica marcia e ostentatrice senza vergogna del proprio marciume. Da una Casta senza valori democratici e deresponsabilizzata dagli “inciuci” e dalle “larghe intese”. Per raccogliere i voti bastava un canestro.

Continua la lettura di però, alcuni passi avanti

MI HANNO CONVINTA MENTANA E GRUBER

di Aurora Morelli
 
Non volevo andare a votare, ma poi mi hanno convinta Mentana e la Gruber. Vedo solo il Tg della Sette e spesso continuo su Otto e mezzo. Come hanno gestito “rimborsopoli” mi ha fatto veramente indignare. Paragonare rimborsopoli a tangentopoli non solo è una menzogna, ma è anche una forma di corruzione. Per sere e sere sono stati scatenati contro i 5stelle, per un “non reato” e sull’uno per cento del movimento. Hanno sorvolato che il 99 per cento del movimento, aveva dato 23 milioni alle medie imprese di tasca propria. Poi esplode il fatto di Salerno e mentre Mentana lo riduceva al minimo, la Gruber conduceva la sua trasmissione su questi temi e con questi ospiti: la prima sera.”preferite Renzi o Gentiloni?, la seconda sera ha invitato Pansa e la terza Berlusconi. Non ha mai parlato del cancro di Salerno e delle metastasi che dilaniano il Pd.
Siccome la tragedia del nostro paese è la corruzione credo che vada dato un voto contro questa classe politica che la continua a portare avanti , come sta facendo il nostro ministro Orlando che vuole distruggere il metodo Falcone. Alla povera Bindi che gli chiede di cambiare le ha risposto di NO.
 

Continua la lettura di MI HANNO CONVINTA MENTANA E GRUBER