Archivi tag: pubblicità ingannevole

APPELLO PER LA LIBERTÀ D’INFORMAZIONE

APPELLO PER LA LIBERTÀ D’INFORMAZIONE

Le prime battaglie per i diritti dei lettori e contro la pubblicità ingannevole

L’informazione in Italia è in stato comatoso. I vertici dei Gruppi editoriali si aumentano i propri compensi e tagliano il costo del lavoro. Nessuna sorpresa. Gli editori sfrutteranno l’asino fino alla sua morte. Così l’informazione è assediata da precariato, concentrazioni proprietarie, distruzione della professionalità, invasione della pubblicità occulta. Il risultato palese è la triade: faziosità & volgarità & ignoranza. La sua funzione è ridotta o all’adulazione degli “amici” o al manganellamento dei “nemici”. I giornali servono a tutto meno che a informare correttamente. Hanno rinunciato alla loro funzione di mezzi di informazione e sono finiti a farsi strumento quasi esclusivo di lotta politica o di interessi economici e commerciali che nulla hanno a che vedere con la loro funzione originaria.

Si salvano in pochi. I lettori non hanno alcun diritto. Le proprietà non hanno alcuna trasparenza. I giornalisti, soprattutto quelli più giovani, ricattati con salari da fame, sono ridotti dalla instabilità del lavoro a servili esecutori. La televisione pubblica è regolata, con soddisfazione di tutti i partiti, dall’autoritaria riforma Renzi.

Quello della comunicazione è oggi il più grave problema che affligge la nostra democrazia. Occorre reagire: è inutile piangersi addosso. Lo sappiamo che il problema è complesso e che le forze politiche mostrano di non accorgersi che esiste una emergenza che mina addirittura il sistema delle libertà. Dobbiamo servirci di ogni mezzo democratico: esistono regole e leggi dimenticate o accantonate. Riprendiamole in mano e riattiviamole. Occorre chiedere la loro piena applicazione.

Il primo passo, per noi, è il ripristino della concorrenza leale e il rispetto della deontologia giornalistica. Ormai la “pubblicità nativa”, ovvero quella ingannevole che nasconde al lettore il messaggio pubblicitario e lo truffa, sta dilagando su tutta la stampa nazionale. Uno dei suoi scopi è di assuefare i lettori, accrescere l’indifferenza e la ricettività. Affinché finalmente siano sanzionate, sono state denunciate agli organi competenti, finora inerti, le violazioni particolarmente clamorose e costanti dei codici deontologici e del “Contratto di lavoro” da parte del “Corriere della Sera”. Ci aspettiamo che questi facciano il loro dovere. Ma queste pratiche scorrette sono usuali anche in altri Gruppi editoriali. Bisogna riattivare strumenti esistenti e applicabili a quasi tutti i mezzi di informazione.

5 luglio 2021

Primi firmatari:

Massimo A. Alberizzi, giornalista, Presidente di Senza Bavaglio, centro studi per il giornalismo

Giancarla Codrignani, giornalista, già parlamentare della Sinistra indipendente 

Vittorio Emiliani, Pres. onorario blog “italia libera.online

Gian Giacomo Migone, Presidente della Commissione Esteri del Senato, 1994-2001

Enzo Marzo, giornalista, Presidente della Fondazione Critica liberale e Portavoce della “Società Pannunzio per la libertà d’informazione”

Pino Nicotri, Giornalista, già Inviato dell’Espresso

Gianfranco Pasquino, Accademico dei Lincei

Antonio Alberto Semi, Psicoanalista

Vincenzo Vita, già deputato e senatore, docente in Scienze della comunicazione

 Chi intende sottoscrivere l’appello per la libertà d’informazione può mandare la sua adesione  a info@criticaliberale.it  o a massimo.alberizzi@gmail.com

per ulteriori informazioni sull’Appello: USCITO IL N. 89 DI “NONMOLLARE” con QUADERNO ANTICONCORDATARIO – SCARICABILE GRATIS QUI | Fondazione Critica Liberale, dal 1969 la voce del liberalismo (critlib.it)