Archivi tag: gay

LIBERO SUDICIUME

Oggi il quotidiano italiano “Libero (si fa per dire)” è uscito con un titolo di prima pagina in perfetta coerenza con la sua consolidata tradizione di scurrilità, ora rinvigorita dall’alleanza politica con la Lega Razzista:

C’È POCO DA STARE ALLEGRI

CALANO FATTURATO E PIL

MA AUMENTANO I GAY

Per giustificare la sua spazzatura, Feltri è solito giustificarsi : «Ma è fattuale, noi non insultiamo nessuno, noi registriamo la realtà». Ma alle elementari insegnano che è un errore sommare mele e pere. Sarebbe stato ben più appropriato e “fattuale” questo titolo:

C’È POCO DA STARE ALLEGRI

CALANO FATTURATO E PIL

MA AUMENTANO I GIORNALISTI SERVI

Oppure, ancor meglio, questo:

C’È POCO DA STARE ALLEGRI

NOI DI LIBERO SIAMO  COSI’ SCHIAPPE CHE IN 5 ANNI

SIAMO RIUSCITI A FAR CROLLARE LA DIFFUSIONE

DA 74.225 A 29.781 COPIE

la lepre marzolina – 23 gennaio 2109

Prima i diritti – intervista a Franco Grillini

di elena tebano (corriere della sera)

Da oggi Franco Grillini entra a far parte del Comitato di presidenza della Fondazione Critica liberale. Siamo ben lieti di accogliere tra di noi chi da decenni combatte per la laicità, per i diritti umani e soprattutto contro ogni forma di discriminazione. la sua è una figura esemplare di combattente per la libertà degli individui e delle minoranze.
Pubblichiamo una sua intervista al “Corriere della sera” del 10 febbraio 2018

Franco Grillini: «Prima i diritti, ora il tumore: io lotto. Sono più rivoluzionario di Marx»

Il leader di Arcigay: «Quando abbiamo cambiato di notte la stepchild adoption».

Il mieloma Ho preso un medicinale sperimentale, con la dicitura «per motivi compassionevoli»

Quando apre la porta del suo appartamento nel centro di Bologna, tre stanze ingombre di oggetti e ricordi nel palazzo in cui abita da quarant’anni, Franco Grillini, 62 anni, bolognese, presidente onorario di Arcigay, direttore di Gaynews.it, ex deputato (con i Ds nel 2001 e l’Ulivo nel 2006) e memoria storica del movimento lgbt in Italia, ha il passo incerto e il volto smagrito dalla malattia. «Mieloma multiplo, un tumore del midollo osseo, lo sorvegliavo dal 2007 — spiega —. Nel 2016 ho iniziato le cure che però mi hanno stroncato. Ho dovuto prendere un medicinale sperimentale, con una dicitura del Comitato etico dell’ospedale che mi autorizzava “per motivi compassionevoli”. Della serie: più male di così non può fargli».

Continua la lettura di Prima i diritti – intervista a Franco Grillini