15 novembre 2018: presentazione a roma del programma del Centenario del governo Nitti

Giovedì 15 novembre, alle ore 17,00, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei ministri a roma, avrà luogo la presentazione del Programma dellecelebrazioni del Centenario del Governo Nitti e l’anteprima del docufilm “Francesco Saverio Nitti. L’ottimismo dell’agire” (prodotto da RAI Storia e programmato in Tv per il 16 novembre) Continua la lettura di 15 novembre 2018: presentazione a roma del programma del Centenario del governo Nitti

SALVINI SOFFIA SULLA PAURA, MA LA CRIMINALITA’ E’ IN CALO

di vittorio emiliani

Matteo Salvini è il ministro che si è visto di meno, credo, al Viminale dal 1946 ad oggi, è sempre in giro per propagandare i suoi slogan (noi tireremo diritto, me ne frego, non cederemo alla Ue di un millimetro, ecc.) e le sue misure sulla sicurezza che in realtà generano nella gente la più grande insicurezza. Come questa legge che consente agli italiani di armarsi con più facilità, anche se gli omicidi volontari continuano a diminuire. Siamo scesi a 343 nel 2017 dai 1.300 di non molti anni fa con un incredibile calo, mentre i residenti stranieri (coi quali spesso si mette in relazione la criminalità) sono aumentati del 580 per cento.

Continua la lettura di SALVINI SOFFIA SULLA PAURA, MA LA CRIMINALITA’ E’ IN CALO

L’EMARGINAZIONE DELLA STORIA – TESTO INTEGRALE PUBBLICATO SU “NONMOLLARE” N.29

di fulvio cammarano

[Il n. 29 di “nonmollare è stato ripreso da ilfattoquotidiano.it :  https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/11/07/la-storia-non-serve-piu-a-niente-nemmeno-a-scuola-vi-racconto-perche/4746394/  ]

La questione dell’esclusione della traccia di storia per il tema d’italiano, proposta dalla Commissione per la riforma dell’esame di maturità, ha fatto emergere ancora una volta il problema, ormai evidente, della perdita di centralità della storia nella società contemporanea.

Continua la lettura di L’EMARGINAZIONE DELLA STORIA – TESTO INTEGRALE PUBBLICATO SU “NONMOLLARE” N.29

AMMAZZA, CHE CONFUSIONE C’E’ IN CASA M5S

Battista, detto Diba, digiuno di dottrine politiche e recordman cambiaidee secondo gli interessi, ha creduto di lodare il padre definendolo “fascista liberale”. Lo ringraziamo moltissimo perché ci ha fatto precipitare nei ricordi della prima infanzia, quando all’asilo andava di moda una barzelletta, per quei tempi persino audace.

A.: Lo sai che differenza c’è tra lo scolapasta e il water?

B. (dopo aversi pensato un po’ su): Non lo so.

A.: Ammazza, che confusione c’è in  casa tua!

E giù tutti a ridere.

la lepre marzolina – 19 novembre 2018

A PROPOSITO DI PROSTITUZIONE. DURO LAVORO NERO

Giornalista: Ma perché non parlare seriamente del Ponte Morandi, della città spezzata?

Grillo: «Cosa è una domanda o una supplica?».

Giornalista: Un giornalista non supplica mai.

Grillo: «Allora tu torni dal tuo direttore e gli dici che voglio 30 mila euro… Ma per il Secolo XIX faccio una tariffa speciale. Sono 30 mila senza l’Iva, dieci domande. Qualcuno deve pagare il mio tempo».

Giornalista: Be’ ma sul suo blog ci sono fior fiore di spot, anche dei traghetti…

Grillo: «Pagano il blog».

Giornalista: Ma rilascia fattura per l’intervista?

Grillo: «Ci mancherebbe altro».

Giornalista: Però sul ponte la città si aspetta che Beppe Grillo dica qualcosa.

Grillo: «Non insistere, servono 30 mila euro».

 

UN NO AL REFERENDUM ATAC DI ROMA

di andrea costa

L’11 novembre i cittadini romani si pronunceranno, con voto consultivo, sul Referendum radicale di mettere a gara tutti i servizi di trasporto pubblico di linea e non di linea Essa viene presentata come l’alternativa in grado di modificare una situazione collassata poiché, si argomenta, Il problema ha origine nella condizione di monopolio in cui viene svolto il servizio, mentre la concorrenza determinerebbe migliori prestazioni e migliori indirizzi e controlli da parte del Comune.  Ma è proprio così?

Atac è indifendibile per la disinvolta gestione che la caratterizza da molti decenni, con produzioni di debito, invecchiamento delle vetture e delle infrastrutture, obsolescenza tecnologica, incapacità gravi nell’organizzazione del personale. Una “mala gestione” costellata da fenomeni di corruzione, prodotta da una elefantiaca dirigenza frutto del clientelismo partitico. È lampante la corresponsabilità di questa dirigenza e del Comune, unico azionista di Atac, nella crisi di Atac.

Continua la lettura di UN NO AL REFERENDUM ATAC DI ROMA

GIUSTIZIA GIUSTA E PRESCRIZIONE

Mi rendo conto che la questione in apparenza è controvertibile . Ma credo che come avviene nei paesi di cultura giuridica anglosassone, quando lo stato esercita tramite la procura della Repubblica l’azione penale, ovvero l a pretesa punitiva dei colpevoli di reati che attentano alla pacifica convivenza sociale, abbia il dovere di procedere sino alla sentenza definitiva che accerti fatti e responsabilità.  In particolare per i delitti più gravi e lesivi dell’interesse generale. Senza che la prescrizione azzeri il tutto lasciando impuniti i colpevoli e disarmate le vittime.

Continua la lettura di GIUSTIZIA GIUSTA E PRESCRIZIONE

RAI: IL CAPOLAVORO RENZI-DI MAIO-SALVINI

di enzo marzo

«Tra il dire e il fare c’è di mezzo la Rai. Ve lo ricordate Luigi Di Maio che spiegava che “bisogna cacciare i partiti dalla Rai”, perché “è meglio il sorteggio che le nomine della politica”? Bene: acqua passata. Stasera il governo giallo-verde metterà le mani sui telegiornali. Il Tg1 e il Tg3 avranno un direttore scelto dai Cinquestelle, mentre il Tg2 sarà affidato a un leghista. Per la prima volta dalla fine del monopolio democristiano ecc.»…

Così scrive “la repubblica 2.0”. Ha perfettamente ragione e perfettamente torto. Il comportamento dei 5s prima era preoccupante, ora è addirittura sfacciatamente scandaloso. Il M5s è diventato un cinico gruppo arraffa-potere completamente dimentico delle promesse con cui ha conquistato l’elettorato. E le “porcate” le fa alla luce del giorno. E’ forse inutile ricordare (ma lo facciamo lo stesso perché gli italiani hanno memoria corta)  ciò che i casaleggini affermavano negli anni passati, visto che Di Maio ha raggiunto da tempo quel recordman di menzogne che ha nome Matteo Renzi. Ci consola questo paragone perché ci permette di riaffermare che anche il M5s pagherà caro e pagherà tutto.

C’è da ricordare che il Salvimaio, il governo vintage, ha potuto realizzare lo scempio dell’informazione televisiva semplicemente approfittando della riforma renziana della Rai-Tv varata nel 2015.

Continua la lettura di RAI: IL CAPOLAVORO RENZI-DI MAIO-SALVINI

UN’ALTRA SINISTRA CHE L’INFORMAZIONE NON VUOLE VEDERE

di beatrice brignone (Segretaria di Possibile)

Ho letto Rossana Rossanda oggi su “Repubblica”. È sempre una lettura interessante, come lo è ascoltare una testimone importante della storia politica del nostro Paese e della storia della sinistra.

Al termine dell’intervista però ho avuto la ormai consueta sensazione di essere sempre allo stesso punto di partenza.
Di aver letto un’intervista letta mille altre volte sugli stessi giornali, ascoltata altrettante volte nei soliti show televisivi, ripetuta nei dibattiti e negli incontri politici.

Continua la lettura di UN’ALTRA SINISTRA CHE L’INFORMAZIONE NON VUOLE VEDERE

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza dei cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi