ERNESTO NATHAN – IL SINDACO E ROMA CAPITALE

In occasione dei 100 anni dalla scomparsa di Ernesto Nathan il Comitato Roma 150 e la Fondazione Critica liberale ti invitano ad un convegno sulla figura di uno dei più grandi Sindaci della Capitale

9 APRILE 2021 ore 17,30

trasmesso in diretta sul canale youtube di critica liberale

https://www.youtube.com/channel/UCh6IWhBg-moTHMmE6tWcB7Q

o sulla pagina facebook

https://www.facebook.com/fondazionecriticaliberale

Saluti: Eleonora Guadagno (Presidente Commissione Cultura Roma Capitale);

Andrea Costa (Presidente Comitato Roma 150).

Intervengono:

Alberto Benzoni (già Prosindaco di Roma Giunta Argan)

Grazia Francescato (giornalista, ecologista, già coportavoce dei Verdi Europei)

Emma Tagliacollo  (docente Università “La Sapienza”, divulgatrice)

Rita Paris (archeologa, già direttrice del Parco Archeologico dell’Appia Antica)

Pietro Finelli (direttore della Domus Mazziniana di Pisa)

Luca Zevi (urbanista, vicepres. INARCH, pres. TEVERETERNO)

modera: Riccardo Mastrorillo (Critica Liberale)

Via le mani dall’inoptato

Si è costituito il Comitato “Via le mani dall’inoptato”. È formato da  associazioni di ispirazione laica, quali ArciAtea, Campagne Liberali,  Critica Liberale, ItaliaLaica.it. , Laici.it, LaicItalia, MontesarchioLib, MovLib, Non Credo e ha 19 portavoce di  tutto il paese, Mauro Antonetti, Paolo Bancale, Mario Bolli, Antonio Colantuoni , Carla  Corsetti, Edoardo Croci , Giulio  Ercolessi ,  Giacomo  Grippa, Vittorio Lussana, Enzo Marzo,  Riccardo Mastrorillo , Raffaello Morelli, Pietro Paganini, Michael Pintauro , Valerio Pocar, Francesco Primiceri, Mirella Sartori, Carmela Sturmann, Ciro Verrati. Il neo nato Comitato ha il solo scopo  di eliminare l’ultimo  periodo  dell’art. 47 c. 3 della legge 222/1985 che  riguarda la distribuzione  dell’8xmille inoptato della dichiarazione IRPEF.

Cos’è l’inoptato?

Continua la lettura di Via le mani dall’inoptato

UN COMUNICATO STAMPA

Un esponente del “Partito che non c’è”, dopo l’incontro a Budapest tra Salvini, il primo ministro dell’Ungheria Viktor Orban e il premier della Polonia Mateusz Morawiecki, ha preso atto della comune volontà dei tre di arrivare ad un “Rinascimento europeo”, «sognando una UE che fa poche cose in comune». Evidentemente Salvini ha inteso confermare il suo sovranismo e il suo antieuropeismo alla vigilia della cacciata di Orban dal PPE per la sua continua violazione dei diritti umani e politici che è la vergogna dell’Unione europea. Il Capo della Lega ha sottolineato così la sua politica di estrema destra e l’affinità con i due “dittatorelli” che apertamente si proclamano “illiberali”. Non possiamo non notare – ha continuato l’esponente del PNCE – il riferimento al “Rinascimento” tornato d’attualità dopo le lodi di Renzi a un analogo “Rinascimento” di un regime assassino com’è quello saudita.

È USCITO IL NUOVO ANNUALE DI CRITICA LIBERALE

CRITICA LIBERALE
Settima serie
SOMMARIO

notarella iniziale
3. enzo marzo, il filo spezzato
astrolabio
7. critica liberale, un richiamo alla semplicità. 7 soluzioni dirette e universali
12. paolo bagnoli, il paradigma della crisi italiana
17. valerio pocar, i danni del coronavirus e la spensieratezza umana
21. giovanni perazzoli, il pensiero critico populista
26. pietro polito, difesa della rivoluzione liberale
32. sabatino truppi, il mito della democrazia diretta
44. andrea costa, 150 anni di roma capitale, e non festeggiarli
cosmopolis
53. antonella braga, l’«inutile guerra» e la «fragile pace». riflessioni attuali a margine del centenario della società delle nazioni (1920-2020)
dillo in italiano
73. enzo marzo, la lingua neo-cafona: alcune proposte
83. rolando parachini, itanglish
85. paolo bonetti, in italiano la chiarezza è l’onestà della mente
quaderno sylos labini 1920-2005
87. roberto petrini, l’impegno di un economista riformista
91. giovanni vetritto, sylos labini e il blocco storico
94. paolo sylos labini, il futuro del capitalismo
100. paolo sylos labini, contro la casa delle libertà
i 50 anni del divorzio
123. riccardo mastrorillo, 1 dicembre 1970: sì alla proposta baslini-fortuna
131. antonio baslini, per la sovranità e l’indipendenza dello stato
133. beatrice rangoni machiavelli, italiani fuori dalla gabbia
134. giovanni crema, fortuna risvegliò il filone libertario
136. maria mantello, dal bigottismo clericale alla secolarizzazione
137. enzo marzo, torniamo al paganesimo
139. gianfranco spadaccia, la caduta di un muro
ricerche laiche
153. enzo marzo, i cattolici in tv puntano al 101%
155. IX rapporto sulle confessioni religiose e TV
179. X rapporto sui telegiornali
203. lorenzo di pietro, la secolarizzazione fa un balzo in avanti. i matrimoni civili sono in maggioranza
211. XIV rapporto (2020) sulla secolarizzazione

L’annuale di “Critica liberale” può essere acquistato on line sul sito della BIBLION EDIZIONI http://www.biblionedizioni.it o inviando una mail all’indirizzo: info@biblionedizioni.it

in vendita anche in tutti i principali store online, tra cui:

IBS 

Mondadori Store

Feltrinelli 

18 marzo: UNA DICHIARAZIONE NON PERVENUTA

di enzo marzo

“Domani proporremo a Draghi il modello Bertolaso. C’è un modello lombardo che è il più avanzato dal punto di vista della messa in sicurezza della popolazione e delle vaccinazioni“   Matteo Salvini 8 febbraio 2021

Scusate, abbiamo aspettato alcuni giorni, dal 18 marzo “Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di coronavirus”, prima di esprimere un nostro giudizio su questo anno infame. Speravamo che la parola “memoria” avesse fatto anche solo una piccola breccia nel muro dell’irresponsabilità e della criminale demagogia che hanno affiancato per più di dodici mesi la pandemia. Invece neppure una parola. Non chiedevamo tanto, soltanto una presa di coscienza dei danni compiuti. Perché vi sono dei responsabili, eccome ci sono.

Sarebbero bastate poche parole:

Continua la lettura di 18 marzo: UNA DICHIARAZIONE NON PERVENUTA

Aridatece Conte

di riccardo mastrorillo

Il 15 marzo scorso, seguendo l’esempio di Germania e Francia, il Presidente del Consiglio Mario Draghi, ha disposto la sospensione prudenziale della somministrazione del vaccino Astrazeneca. Non dubitiamo delle ragioni della scelta, rimandiamo, per un attenta analisi delle motivazioni , ad un approfondito articolo pubblicato da “Internazionale” https://www.internazionale.it/notizie/assma-maad/2021/03/16/domande-sospensione-vaccino-astrazeneca, e non accettiamo le solite ricostruzioni complottiste, che insinuano farneticanti strategie geopolitiche, ma non possiamo fare a meno di registrare la modalità, classica italiota, nella comunicazione dell’importante decisione. Continua la lettura di Aridatece Conte

A PROPOSITO DELLA POLEMICA BIDEN – PUTIN. RICORDO DI Politkovskaja

Biden ha rivolto un’accusa precisa, Putin ha risposto in perfetto stile mafioso con minacce velate. Sarebbe ora che un incessante lavorio per la pace e per la composizione dei conflitti fosse accompagnata dalla ferma e costante riaffermazione dei diritti umani e delle regole dello stato di diritto. Cogliamo l’occasione per ricordare la figura di Anna Politkovskaja, giornalista accusatrice del regime putiniano  e assassinata brutalmente nel 2006.  Per Salvini e Berlusconi quello di Putin è sicuramente il Nuovo Rinascimento russo. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha depositato il 17 luglio 2018 una sentenza di condanna di Mosca, per non aver condotto un’inchiesta efficace per determinare chi abbia commissionato l’omicidio.

[chi vuole saperne di più può scaricare gratuitamente un volume di Andrea Riscassi sulla giornalista russa … Anna è viva. Storia di Anna Politkovskaja una giornalista non rieducabile PDF – amasniratidis1 (google.com) ]

ULTIME NUOVE DAL MEDIOEVO VATICANO

di franco grillini

Mi spiace per gli omosessuali cattolici ai quali questa sparata dell’ex “Sant’Uffizio” provocherà ulteriori sofferenze. Ma per i laici non si può che respingere al mittente questi giudizio sommari e offensivi sulla via reale delle coppie omosessuali. Sotto il profilo civile infatti la presunta illiceità e il presunto peccato così come lo intende l’ex Santa Inquisizione è irrilevante e irricevibile. La *notizia* sparata da tutti i TG, senza alcun contraddittorio o possibilità di replica, non fa che rendere ipocriti i pronunciamenti pietisti sulle singole persone omosessuali ai quali si continua a proporre la follia di una vita in solitudine e senza sessualità. Prima o poi il Vaticano dovrà implorare il perdono per le sofferenze che continua ad infliggere alla collettività lgbt. Nel frattempo lo stato dovrebbe rivedere e tagliare l’enorme flusso di danaro (circa 7 miliardi all’anno) che finiscono nelle opache banche vaticane e che sono soldi della fiscalità generale.

Continua la lettura di ULTIME NUOVE DAL MEDIOEVO VATICANO

USCITO IL N. 82 DI “NONMOLLARE” – SCARICABILE GRATIS QUI E ANCHE SUL FATTOQUOTIDIANO.IT

per scaricare il pdf clicca qui e anche su https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/03/17/cari-ecologisti-italiani-incontratevi-e-rifondate-un-vero-partito-verde/6134985/

Sommario
3. bêtise d’oro – professione untore
la biscondola
3. paolo bagnoli, vecchi e nuovi fallimenti
cronache da palazzo
5. riccardo mastrorillo, verde come la speranza
la vita buona
6. valerio pocar, l’art. 9 della costituzione e gli animali
lo spaccio delle idee
9. angelo perrone, governare, con i big data
6-8-11. bêtise
12. comitato di direzione
12. hanno collaborato
 

I MAGNIFICI TRE

Tutti i giornali argomentano e deprecano, battono e ribattono su tre casi che stanno annoiando l’opinione pubblica. Eppure in questi giorni non mancano argomenti un po’ più interessanti. Gratteri, Scalzi e Boldrini sono sotto attacco: il magistrato che legge troppo distrattamente le carte, il giornalista-star che chiede d’essere ringraziato per aver illustrato col salto delle fila una tipica qualità italica, la deputata ZTL col braccio assai corto e dal motto anch’esso italianissimo “così fan tutti”. La Destra, pure quella che non se lo potrebbe proprio permettere, fa del moralismo e trascina la polemica. I “garantisti” chiedono persino sanzioni. Ma la colpa è dei tre protagonisti, che avrebbero potuto chiudere la vicenda all’inizio dichiarando ciascuno schiettamente, con le mani nei capelli: «Ho fatto una cazzata».

la lepre marzolina – mercoledì 7 aprile 2021

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza dei cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi