IN ATTESA DI MACARON

di gian giacomo migone

[anteprima di un editoriale del prossimo numero di “nonmollare]

Niente paura. In realtà sono un prestigioso notista politico, non importa di quale delle testate principali, o main stream, che ben conoscete. Firmo con uno pseudonimo, preso a prestito, perché, per una volta, intendo scrivere in chiaro quello che solitamente faccio leggere tra le righe.

La campagna elettorale dei soliti al comando sta andando a meraviglia. Tra costoro ci sono anche i proprietari del mio giornale, ma non ho bisogno di prendere ordini, li intuisco e talora li precedo. Alle prossime elezioni politiche – quelle europee potrebbero coincidere o servire per scaldare i muscoli – il nostro candidato, Macaron, sarà sicuramente il vincitore. Ciascuno sta facendo bene la sua parte.

 Salvini ogni giorno ne inventa una, mostrandosi razzista, fascistoide, ignorante quanto basta a rastrellare voti a sufficienza per costituire una credibile minaccia alla democrazia e all’Europa, ove si è alleato con alcuni della sua risma, ma sempre molto  attento a non ferire i nostri interessi duraturi.  

Continua la lettura di IN ATTESA DI MACARON

SALVINI, MARONI E LA MALA

«Le norme fiscali che prevedono sconti o dilazioni nei confronti del fisco vanno cancellate. Cancellate per tutti a prescindere dal calcio. Al piccolo imprenditore i debiti fiscali non li toglie nessuno». Matteo Salvini, 2005

Appena una decina di giorni prima il re dei buffoni aveva tuonato: “Temete l’ira dei giusti”. Con tono biblico, tanto per far vedere che bazzica il testo sacro. (E come al solito smercia una bufala, perché nella Bibbia non c’è traccia di ira dei giusti, ma i giornali abboccano). Il giornali spazzatura dell’estrema destra, che affiancano alla devozione religiosa la quotidiana dose di scurrilità, si stracciano le vesti, il “Foglio” evoca lo stato di polizia. Sull’Italia incombe la maledizione salviniana. Noi tremiamo ma non la beviamo, e commentiamo con “Temete l’ira dei giusti truffatori”. Avevamo ragione:  Salvini, mentre minaccia fulmini e saette , sotto banco invia i suoi avvocati a trattare la rateizzazione della restituzione di quanto la Lega Ladrona ha frodato allo Stato. Una storia all’italiana, dunque. Un long seller, che durerà fino al 2095.  Prima le grida, poi l’ammissione. Non Mosè e il castigo divino, ma i soliti ignoti con il neo-Totò in testa. 

Ps. Attendiamo con ansia il sequel di questo film comico. Suggeriamo un bel finale: colpo di scena, i soldi rubati allo stato dalla Lega Ladrona sono ritrovati casualmente in qualche materasso lussemburghese. Presso tutti gli schermi, soprattutto all’estero, grande successo dell’Ingiustizia italiana.

la lepre marzolina – 19 settembre 2018

DALLO SPETTACOLO ALL’AVANSPETTACOLO, COME LA POLITICA HA TOCCATO IL FONDO

Siamo arrivati ad un passaggio epocale. Alcuni anni fa il realismo ci fece maturare il giudizio che la crisi del nostro paese fosse irreversibile. Troppi erano gli indicatori, dalla scuola all’informazione, dall’assuefazione dei cittadini al cinismo  e alla corruttela sfacciata e impunita che Berlusconi  & company avevano iniettato nel tessuto civile. Tutti noi ce la siamo presa con la Casta e abbiamo fatto passare in secondo piano la metastasi che invadeva tutti gli strati sociali. Continua la lettura di DALLO SPETTACOLO ALL’AVANSPETTACOLO, COME LA POLITICA HA TOCCATO IL FONDO

PRIMA DI TUTTO UN INVENTARIO

di giuseppe giacomini

L’appello di Critica Liberale è assolutamente condivisibile.

Ciò detto, per tentare di fare qualcosa di concreto ed efficace mi parrebbe utile partire proprio da un inventario completo dei molti gruppi di opinione che si stanno esprimendo con forza sul tema europeo senza minimamente preoccuparsi della loro matrice tradizionale destra/sinistra sulla quale, come già ho scritto, ci sarà tutto il tempo di dividersi sia nel Parlamento UE, sia nei parlamenti nazionali.

Ricordo, ad esempio, il recente appello di Cacciari su Repubblica, il pregevole lavoro del Bruno Leoni e molto altro a livello nazionale e locale.

Continua la lettura di PRIMA DI TUTTO UN INVENTARIO

NUMERI DURI CONTRO PROPAGANDA (COME LA “PANCIA” SI BEVE QUALUNQUE MENZOGNA)

di alberto  magnani (da “Sole 24 ore”, 29 agosto 2018)

Migranti, tutti i numeri
dell’«invasione» che non c’
è.

La gestione dei migranti è una polemica a scatto fisso fra Roma e Bruxelles. O meglio, a scatto ritardato: nonostante le tensioni politiche e la sovraesposizione mediatica, l’arrivo di stranieri su scala quotidiana è diminuito di oltre 7 volte rispetto al 2016. Un calo accompagnato, paradossalmente, alla crescita delle ostilità degli italiani al fenomeno migratorio e a una percezione distorta dell’incidenza reale di stranieri sul totale della popolazione residente.

Continua la lettura di NUMERI DURI CONTRO PROPAGANDA (COME LA “PANCIA” SI BEVE QUALUNQUE MENZOGNA)

FIGLI E OMOSESSUALITÀ, I CINQUE ERRORI DEL DISCORSO DEL PAPA SUL RICORSO ALLA PSICHIATRIA

di paola biondi  (Ordine Psicologi Lazio), ripreso da Ilfattoquotidiano.it

Le recenti parole del Papa, interrogato sull’omosessualità e,  più nello specifico, sull’atteggiamento che un genitore dovrebbe tenere nei confronti di figli o figlie omosessuali intenzionati a iniziare una vita insieme al proprio o alla propria partner, ha occupato pagine di giornali e alimentato una vivace discussione. A tutela della verità scientifica e del rispetto dovuto verso qualsiasi orientamento sessuale, è forse opportuno riflettere su alcuni passaggi tratti dalla versione integrale della sua risposta.

Continua la lettura di FIGLI E OMOSESSUALITÀ, I CINQUE ERRORI DEL DISCORSO DEL PAPA SUL RICORSO ALLA PSICHIATRIA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza dei cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi