Archivi categoria: lo spillo

TROMBATO E RIPESCATO

Sgarbi solo alcuni giorni fa si è autocandidato a succedere nientepopodimeno che a Berlusconi. Contemporaneamente si è presentato a Pomigliano contro Di Maio. La sua campagna elettorale è stata degna del “re della trivialità”: «Ascoltatemi, venite qui e guardate: per cagare, non usate Guttalax, usate Di Maio, il lassativo che non vi abbandona». Evidentemente ai campani non è piaciuto questo programma politico e nel voto lo hanno severamente castigato, persino umiliato, di fronte al leader dei 5stelle. Cosi il vecchio guitto scurrile è stato inserito (non senza malignità) dai suoi amici  di “Libero”  nella categoria dei “Trombati e Ripescati”. Ma il Trombato non si arrende e si lamenta che la camorra non lo abbia votato. Evidentemente ci sperava, non a caso si era presentato in Forza Italia, il partito di Cosentino. E siamo sicuri che sarà ripescato anche da Gruber…

la lepre marzolina – 07-03-2018

LA PIÙ MIGLIORE

E’ bello vedere come in questi ultimi giorni i partiti se le diano di santa ragione, non avevano argomenti  prima, figuriamoci alla fine della più indecente campagna elettorale. Adesso è l’ora dei ministri. Di Maio ha presentato nomi sconosciuti e quindi tutti gli danno addosso. Del Rio, ancora immerso fino al collo nella neve, trova la forza di dire che “la lista dei ministri del m5s è cabaret”. Forse ha ragione, ma deve riconoscere che era complicato arrivare alla vera comicità del ministero Gentiloni, col Del Rio stesso, Boschi, Lorenzin, Lotti e soprattutto Fedeli, la più migliore ministra della pubblica istruzione che abbiamo avuto dopo Benedetto Croce.  

la lepre marzolina – 01-03-2018

UNA NOTIZIA BELLISSIMA

Finalmente una notizia che ci porterà contenti ai seggi elettorali. Renzi ha dichiarato: «Se il Pd perde nessun passo indietro». Finalmente, era quello ce ci aspettavamo. Ci direte, non siete antirenziani? Ma certo. Prima del referendum lo statista di Rignano aveva solennemente promesso che in caso di sconfitta avrebbe abbandonato la vita politica. Sapete come è andata. Renzi è un bugiardo seriale. Fa sempre il contrario di ciò che promette. Adesso aspettiamo fiduciosi.

la lepre marzolina – 26-02-2018

DOPO LA TRAGEDIA, LA FARSA OSCENA

In un’intervista a “Libero, ahahahah”, Sgarbi, pur esausto dalle leccate servili  a Berlusconi («È stato la vittima di una grave ingiustizia. Lui non andava a prostitute ma a mantenute») e dalle sciocchezze sul liberalismo («Date un folle a liberali, diceva Luigi Einaudi» – ignorante!, fu Mario Ferrara),  proclama: «Sarò io il numero uno di Forza Italia». E motiva la sua candidatura per il dopo-Berlusconi recuperando tutto il suo spirito da statista e proponendo il suo programma per l’Italia: «Ascoltatemi, venite qui e guardate: per cagare, non usate Guttalax, usate Di Maio, il lassativo che non vi abbandona».

la lepre marzolina – 25-02-2018

MASCALZONI DI TUTTO IL PARLAMENTO, UNIAMOCI

Fanno pena i direttori galoppini del capo di Arcore. Per settimane hanno ingiuriato i candidati m5s che avevano fatto la cresta sui rimborsi: “Ladri, ex onesti, approfittatori ecc” e con tale ferocia propagandistica che il loro padrone, Berlusca, si è convinto: «Se Feltri e Sallusti garantiscono che questi sono mascalzoni, vuol dire che hanno tutte le carte in regola per entrare nel gruppo di Forza Italia e raggiungere quelli che già ci stanno». E dato che il venditore di tappeti è anche sparagnino, ha pensato: «Però comprare De Gregorio mi costò tre milioni e la patente di corruttore. Vediamo se questi qui accettano solo il contentino di tenersi integralmente lo stipendio, così non mi costano neppure niente».

la lepre marzolina – 21-02-2018