Archivi categoria: lo spillo

VINTAGE

Berlusconi ha l’abilità di farci tornare tutti giovani. Il suo candidato per la Capitale è il trionfo del vintage. Nelle Seconda repubblica in agonia non c’è nulla di più passatista del recupero di un personaggio datato come Bertolaso. Ma il Berlusca non è mai stato secondo a nessuno in “facciatosta”. La sfrontatezza di salire al Quirinale e presentare come Ministro della giustizia tale Previti non sarà mai raggiungibile da nessuno, ma anche ripescare l’eroe de La Maddalena non è male. D’altronde il programma della destra per la rinascita di Roma sarebbe già bello che fatto: “massaggi per tutti”.

la lepre marzolina – mercoledì 21 ottobre 2020

TANTO VA LA GATTA AL LARDO…..

“Angelucci ha tentato di corrompere con 250mila euro l’assessore alla Sanità del Lazio. Che ha rifiutato”. Indagato il re delle cliniche e deputato di Forza Italia

Stanotte la Lepre marzolina, tormentata dalla curiosità,  contro le sue abitudini, all’alba si sveglierà per correre all’apertura delle edicole per leggere come “Libero” di Vittorio Feltri e “Il Tempo” di Bechis e di Storace daranno questa notizia che coinvolge il loro editore. Chissà se mi deluderanno….

VIRUS SGARBI

Il povero Sgarbi è proprio negato per la politica. Forse porta pure jella. A Bologna Berlusconi gli mise nelle mani le sorti di Forza Italia e raggiunse il risultato peggiore di tutti i tempi. Ora ad Aosta un poveraccio si è consegnato al più famoso assenteista nazionale e, pur avendo l’appoggio anche della Lega, è stato fatto a fettine dal centro sinistra. Il fatto è che la politica è (o dovrebbe essere) una nobile professione e non può essere affidata a un dilettante specializzato esclusivamente nella scurrilità seriale. Forse davvero siamo alle avvisaglie di una Terza repubblica, dove gli elettori fanno giustizia degli avventurieri come Calenda, Renzi e Salvini, e dei guitti da avanspettacolo che recitano senza mascherina.

la lepre marzolina – martedì 6 ottobre 2020

MA CHE E’? ‘N PROFESSORE?

Marco Gervasoni ha sollevato a fatica la fronte pensosa china sui  suoi studi per commentare  su facebook una foto di Elly Schlein, vicepresidente dell’Emilia Romagna, pubblicata dall'”Espresso”, e ha scritto un’opera geniale quanto sintetica: “@marco_gervasoni – Ma che è, n’omo?”.
Gervasoni è  un  professore del Molise che scrive per un quotidiano fascio-leghista. Dopo aver partorito, da solo o in compagnia, dei libri che hanno arricchito di molto la biblioteca della propaganda d’estrema destra, purtroppo per lui passerà alla storia della cultura italiana per il massimo che è riuscito a elaborare: una cretinata volgare (questa volta scritta tutto da solo).
 
la lepre marzolina – domenica 6 settembre 2020

SONO DI COCCIO

D’accordo finalmente con Vittorio Feltri. Il suo editoriale ci è davvero piaciuto. E’ già tutto nel titolo: “RENDIAMOCI CONTO – NON C’E’ INTEGRAZIONE CON CHI TRASGREDISCE LE NOSTRE LEGGI”. Chi potrebbe dissentire?  Eppure ci sono casi difficili da risolvere. C’è gente che, senza colpa, alle spalle ha decenni di inciviltà e di ignoranza della stessa esistenza dello stato di diritto. Non si può passare d’un balzo dall’elmo con le corna al rispetto del codice penale. Il problema dell’integrazione di Lega Ladrona si pone e tocca trovare una soluzione. Sono assai recidivi, ma non possiamo abbandonarli al loro destino e rimpatriarli a Pontida. Certo, non è bastata la “seconda chance” e hanno continuato a essere ladroni, anche molto sfacciatamente: hanno truffato lo Stato, intrallazzato con paesi esteri, nascosto i loro quattrini in Svizzera come qualunque dentista evasore. Ma come fare a integrarli se la loro passione per trasgredire la nostre leggi si tramanda da padre in figlio, da madre in governatore? Sono di coccio, rendiamocene conto…

la lepre marzolina – venerdì 7 agosto 2020

LA RISPOSTA GIUSTA

Francesco Facchinetti, cantante, sta diffondendo un video in cui pone  questa domanda epocale: “Tanti parlano ma nessuno fa la domanda giusta: ‘Fa più vittime il coronavirus o il lockdown?’“. Ma non è vero che sia il primo a farci questa domanda retorica che comprende anche la risposta, anzi uno stuolo di scriteriati la sta ripetendo da tempo, pur di esibire la loro inesperienza su tutto. Gli Sgarbiani, per intenderci.

Adesso che abbiamo “la domanda giusta” possiamo fornire anche la”risposta giusta”: a fare più vittime non è né il corona virus né il lockdown, bensì l’immensa stupidità umana, che si manifesta in molti modi: assembramenti di persone che festeggiano in anticipo la propria o altrui morte, presenzialisti alla ricerca della scempiaggine più bislacca per conquistare il primo posto sul palcoscenico, politici che si sentono legittimati a sostenere tutto e il contrario di tutto, cantanti fatui che si travestono da epidemiologi o da politici pur di soddisfare la loro fregola di comparire… 

la lepre marzolina – mercoledì 19 agosto 2020

COPIARE LA LEGA DI BOSSI?

“Salvini allontana la Lega dal #Nord e davanti al #PD c’è l’occasione della vita: farsi rappresentanza della parte più moderna ed europea del Paese. Ci vogliano provare?”. Così Gori, sindaco di Bergamo, che non si sa come sia finito nel Pd. Mah! Non si capisce: la parte più moderna ed europea del paese si faceva rappresentare fino a ieri dalla Lega Ladrona di Bossi? Gori vuole cogliere l'”occasione della vita”, e diventare lui il nuovo Trota. 

la lepre marzolina – lunedì 3 agosto 2020

IL GOVERNO DEL RITORNO

Giuro che è vero.

«URGE IL RITORNO DI FORMIGONI PER DIFENDERE LA DEMOCRAZIA».

Cosi titola in prima pagina Vittorio Feltri su “Libero”.

Sìììììììììììììììììì. La democrazia è oggi in pericoloooo: è necessario il ritorno nell’agone politico di un corrotto condannato, prima, a 7 anni e 6 mesi di reclusione, poi ridotti per prescrizione a 5 anni e 10 mesi. Più ad alcune decine di milioni per danno erariale. Ovviamente, non essendo Formigoni un ladro di polli ma un ciellino col colletto bianco e vestito in celeste come tutti i berlusconiani, non può stare più di qualche mese in un posto cosi desolato e destinato ai poveracci com’è la galera, e così il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha deciso di concedergli la possibilità di scontare la pena a casa di un suo amico. Un piccolo scandalo, cui la Corte di Cassazione ancora non ha messo fine, col rischio di confermare il pregiudizio che in Italia la Giustizia non “è uguale per tutti”.

Ma così rende possibile che il popolo tutto della redazione di “Libero”, in stato di ubriachezza, implori il ritorno del Celeste per restaurare la democrazia ormai compromessa. Dopotutto se i corrotti come Formigoni e i corruttori si facessero un loro partito, sicuramente avrebbero la maggioranza. Ma Formigoni ce la farebbe da solo? Il problema è grosso, avrebbe bisogno di chi lo potesse aiutare. Suggeriamo un bel “governo del RITORNO”, con Salvini agli Interni, Previti alla Giustizia, Dell’Utri al Mezzogiorno, Fontana alle Regioni, Bossi alle politiche comunitarie, Feltri a Stampa e Propaganda, Tremonti al Tesoro, Gallera alla Sanità, il Trota al Lavoro, Gelmini alla Cultura.

Lo so, manca un nome, ma Egli deve restare a disposizione per il Colle più alto.

la lepre marzolina – venerdì 28 agosto 2020

LIBERO DA OGNI RITEGNO 02

ARRESTATI  59  NAPOLETANI

Domani il “Mattino” di Napoli, se fosse un giornale cialtrone e razzista come quello di Vittorio Feltri, dovrebbe aprire, a tutta pagina, la prima: 

ARRESTATI PER TANGENTI TREDICI MILANESI

sommario: 

UN’ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE CHE AVEVA MESSO A PUNTO UN “SISTEMA METODICO DI ALTERAZIONE” DEGLI APPALTI SULLA METROPOLITANA DI MILANO DODICI PERSONE SONO FINITE IN CARCERE E UNA AI DOMICILIARI NELL’AMBITO DI UN’INCHIESTA SU TANGENTI E APPALTI TRUCCATI PER I LAVORI DI INNOVAZIONE E MANUTENZIONE DELLA METROPOLITANA. TRA GLI ARRESTATI FIGURA PAOLO BELLINI, RESPONSABILE DEGLI “IMPIANTI DI SEGNALAMENTO E AUTOMAZIONE” DELLA MUNICIPALIZZATA, ACCUSATO DI AVER INCASSATO TANGENTI PER 125MILA EURO. RACCOLTI ELEMENTI ANCHE SU UN EPISODIO DI CORRUZIONE RISALENTE AL 2006 CHE RIGUARDA UNA GARA SULLA LINEA ROSSA M1, PROPRIO QUELLA COLPITA DA NUMEROSI EPISODI DI FRENATE IMPROVVISE.

la lepre marzolina – martedì 23  giugno 2020

LIBERO DA OGNI RITEGNO

Mercoledì scorso, il 10 giugno, il quotidiano “Libero” (da ogni ritegno) sparò in prima pagina , a 8 colonne, questo titolo:

ARRESTATI  59  NAPOLETANI

Domani il “Mattino” di Napoli, se fosse un giornale cialtrone e razzista come quello di Vittorio Feltri, dovrebbe aprire, a tutta pagina, la prima: 

ARRESTATO PER STUPRO UN MILANESE

sommario: 

E’ IL BERLUSCONIANO PAOLO MASSARI, GIÀ ASSESSORE DI  DESTRA NELLA GIUNTA MORATTI DEL COMUNE DI MILANO, DIMESSOSI DOPO ACCUSE DI MOLESTIE SESSUALI – DA ANNI GIORNALISTA MEDIASET

la lepre marzolina – lunedì 15 giugno 2020

L’ECTOPLASMA DI SGARBI

“Raggi è inesistente … Il M5s stelle oggi versa in una condizione disperata sul piano nazionale e a Roma non perderebbe, bensì sparirebbe completamente. Con il 4% preso alle suppletive non esiste più”. Così disse il compianto Sgarbi, che col suo 2,6 % e i suoi miseri 1600 voti massacrò Forza Italia di cui era capolista nelle ultime elezioni regionali emiliane. Ma come  può un ectoplasma con metà dei voti presunti di Raggi autocandidarsi all’assessorato della Cultura di Roma? Gli ectoplasmi non esistono , ma se esistessero dovrebbero vergognarsi un po’.

la lepre marzolina – mercoledì 3 giugno 2020