Tutti gli articoli di Critica Liberale

USCITO IL N. 36 DE “GLI STATI UNITI D’EUROPA” SCARICABILE GRATIS QUI e anche sul fatto.it

per scaricare il pdf clicca qui e anche su https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/10/30/ue-ce-un-solo-modo-per-rispondere-alla-nuova-europa-dei-barbari/5538911/

Indice
editoriale
04 – giovanni vetritto, amare l’europa
lo stato dell’unione
06 – sarah lenders-valenti, il fisco, le banche e la droga (in europa)
11 – giovanni moschetta, le procedure di infrazione
d’oltralpe
15 – pawel stepniewski, polonia, per i populisti una vittoria di pirro
materiali federalisti
18 – movimento europeo – italia, fermiamo l’offensiva turca contro i curdi
europa chiama mondo
21 – giorgio benigni, medio oriente, si fa la storia senza l’ue
25 – aurelia ciacci, l’impeachment di donald trump
pagine federaliste
30 – ursula hirschmann, noi senzapatria
33 – hanno collaborato

LA VITTORIA DELLA DESTRA, LA SCONFITTA DELLA LEGA

Nel silenzio totale dei telegiornali  sui dati elettorali veri si sta celebrando il trionfo di Salvini (da segnalare particolarmente la Maratona di Mentana dove la faziosità  ha raggiunto limiti indecenti per dei giornalisti).  Noi commenteremo domani, oggi facciamo solo notare che forse sarebbe utile leggere le cifre date dal Ministero dell’Interno (hanno sempre un testa durissima). I numeri parlano chiaro: dalle ultime elezioni europee della fine di maggio la Lega di Salvini in Umbria ha perduto 17.045 voti, l’1,23% sui votanti e ben il 3% sugli aventi diritto. 

PER INGRANDIRE L’IMMAGINE CLICCARVI SOPRA

UN SACCO FEMMINISTA

«Mi è piaciuta la scelta di Maria Elena Boschi come capogruppo. Una donna giovane che riveste un ruolo di guida in Italia viva. Questa leadership femminile mi piace e mi fa pensare che ci sia uno spazio di maggior agibilità in un progetto che sa apprezzare il valore delle donne». In Liberi e Uguali, dunque, le donne non venivano valorizzate? «Non voglio dire questo, ma Boschi è donna, Federico Fornaro (capogruppo Leu alla Camera) è uomo. Eppoi Fornaro sarà un bell’ uomo, ma la bellezza della Boschi non ha eguali». Riportiamo qui l’essenziale del Trattato di scienza della politica scritto  in questi giorni da Giuseppina Occhionero, già bersaniana e ora , con queste motivazioni che mostrano con evidenza le ragioni profonde della transumanza, passata da Leu (forza composta soprattutto da scissionisti del Pd per il contrasto con Renzi) proprio nel neo partitino renziano. In un’altra dichiarazione la voltagabbana molisana prende persino per i fondelli i cittadini che l’hanno votata sottolineando la sua «coerenza» politica.

Perché diamo spazio a questo minuscolo ma scandaloso episodio di sfacciato, quasi inverosimile, trasformismo? Perché è un’ulteriore prova  che le ragioni politiche, persino storiche, del disastro politico del nostro paese sono molteplici e radicate, ma non è da sottovalutare la mediocrità (in questo caso persino un’ineguagliabile scemenza furbetta) di buona parte della classe politica.

Continua la lettura di UN SACCO FEMMINISTA

MICROSCISSIONI

Segno di tempi disgregati(nti), la lillipuziana Leu (?) divisa in almeno 4 correnti (di persone aspiranti leader di se stessi) che fornisce al governo 1 ministro e alcuni vice ministri e da cui la carneade deputata nominata col rosatellum  Occhionero si scinde per andare con il micro  partito personale Renzi da cui il capo politico  di Leu, Bersani ma anche D”Alema e Leu si erano scissi… microscissioniSembra uno scioglilingua.
se l’arcivescovo di Costantinopoli si arcivescontinapolizzasse ti arcivescontinapolizzeresti  anche tu come si arcivescontinopolizzò l’arcivescovo di Costantinopoli …
scissione dell’atomo.. ma di “sinistra” ohibò!

APPELLO PER LA COSTITUZIONE DI UN COMITATO PER LA REPUBBLICA PARLAMENTARE (POST 1)

Esprimiamo profonda preoccupazione per le modalità e soprattutto per le finalità, più o meno dichiarate, con cui il parlamento sta procedendo a riforme, Costituzionali e non, che riguardano la rappresentanza.

Riteniamo di dover riaffermare il carattere della nostra forma Costituzionale e cioè una democrazia rappresentativa parlamentare, in cui, per Costituzione, il potere esecutivo è emanazione del Parlamento, che è composto da rappresentanti del popolo, eletti a suffragio universale con voto “personale, eguale, libero e segreto”, senza vincolo di mandato.

Non possiamo che esprimere la nostra contrarietà a modifiche sostanziali dei principi sopra espressi, perpetrate in modo surrettizio, senza tener conto che l’impianto complessivo della nostra Costituzione è coerente con quei principi, che se messi in discussione provocano una dissoluzione della forma liberaldemocratica della Repubblica Italiana. Forma già largamente compromessa sia dall’involuzione preoccupante dei partiti politici ormai ridotti tutti a una burocrazia al servizio di un leader e dediti all’alterazione truffaldina del processo decisionale e delle designazioni elettorali; sia per la mancanza effettiva di garanzie contro la manipolazione dell’opinione pubblica: carenza di vera pluralità dell’informazione, monopolio governativo della tv pubblica, mancanza di pari condizioni in campagna elettorale e di norme sul conflitto di interesse.

Purtroppo, dopo la bocciatura da parte dei cittadini e della Corte costituzionale delle riforme istituzionali  e delle leggi elettorali dei governi Berlusconi e Renzi, sull’onda della demagogia antistituzionale è tornato a prendere vigore l’ideologia antidemocratica. Il taglio dei parlamentari, così fatto e motivato, è solo uno sprezzo del Parlamento e della sua funzione.

Continua la lettura di APPELLO PER LA COSTITUZIONE DI UN COMITATO PER LA REPUBBLICA PARLAMENTARE (POST 1)