Tutti gli articoli di Critica Liberale

si aprono le iscrizioni all’Associazione “Amici di Critica liberale”

Critica liberale il prossimo anno compirà 50 anni. La Fondazione celebrerà l’anniversario con vari eventi. E’ assai raro che una pubblicazione attraversi un periodo così lungo col solo volontariato e senza finanziatori esterni.
Aiutateci a non mollare proprio ora che il paese è sull’orlo del baratro.
Iscrivetevi all’associazione “amici di critica liberale” con un piccolo gesto di solidarietà e di amicizia.

“10 euro per critica”
Per iscriversi come Socio Sostenitore puoi fare il tuo versamento tramite bonifico sul conto corrente intestato all’Associazione Amici di Critica liberale IT 33 V 05696 03226 000003186X23, mandando contestualmente una mail ad amicidicriticaliberale@gmail.com
Oppure tramite paypal sul sito www.criticaliberale.it

evento: nel 2019 Critica liberale compie 50 anni

Nel mese di marzo 2019 la Fondazione organizza a Roma un Convegno internazionale in due sessioni:

1. Gli stati generali del liberalismo
2. Federalismo o barbarie

Durante l’evento verrà inaugurata la prima edizione del Premio sulla illibertà, che la Fondazione assegnerà ogni anno a chi si è particolarmente segnalato con scritti o politiche pubbliche o iniziative contro le libertà civili e politiche, lo stato di diritto e la giustizia sociale.

[Il premio sarà assegnato con voto segreto dagli iscritti alla Associazione degli Amici di Critica liberale]

L’ORIGINE DELLE FAKE NEWS

di dimitri buffa

Il nostro linguaggio ipocrita ed eufemistico è all’origine delle cosiddette fake news. Esempio: Matteo Renzi che forse si sta facendo un proprio partito, in un’intervista dice che “chiunque vincerà le primarie del Pd avrà il mio rispetto”. Traduzione: “fatti suoi, a me non importa un fico secco”.

Continua la lettura di L’ORIGINE DELLE FAKE NEWS

“TUTTI A TERRA, QUESTO E’ IL CAMBIAMENTO”

Scena da film americano. Vicino a Bari i rapinatori, armati fino ai denti, bloccano una strada incendiando due tir messi di traverso, poi si gettano su un veicolo portavalori. Spaccano le pareti corazzate dell’automezzo con una ruspa, impossessandosi di quanto è a bordo, cioè 2,3 milioni di euro, destinati a pagare le pensioni.

Ci domandiamo: ma perché tutta questa fatica? Oltretutto con molti rischi.

Per rapinare le pensioni, in un’operazione ben più massiccia, basta molto meno. È sufficiente sbandierare il rosario, mangiare Nutella, fotocopiare i programma Le Pen e prendere il 12,25 per cento dei voti dei cittadini aventi diritto. Certo, bisogna avere anche l’impudicizia di passare quella modesta cifra per “il popolo tutto”, parlare continuamente a nome di questo e violentare il parlamento con la complicità di un tristo figuro ormai col consueto ruolo del “palo”. Anzi, della ruspa. Nessun azzardo, basta irrompere gridando “tutti a terra, questo è il cambiamento” e indossare una maschera per nascondere la faccia di tolla.

la lepre marzolina – 3 gennaio 2019

NO, NON “E’ GIORNALISMO”: DIO MIO COME SIAMO CADUTI IN BASSO…

Riportiamo dal Fatto.it questa straordinaria notizia:

«È il giornalista Mattia Feltri il vincitore della 22esima edizione del premio ” È Giornalismo”, fondato da Indro Montanelli, Enzo Biagi, Giorgio Bocca e dall’imprenditore Giancarlo Aneri. Lo ha deciso la giuria, ora composta dallo stesso Aneri, come presidente, e da Giulio Anselmi, Mario Calabresi, Massimo Gramellini, Paolo Mieli, Gianni Riotta e Gian Antonio Stella. Mattia Feltri, bergamasco, 49 anni, è figlio d’arte: suo padre Vittorio è una delle firme più conosciute del giornalismo italiano. E a questo ha fatto riferimento Giancarlo Aneri nell’esprimere la sua soddisfazione per la scelta della Giuria “perché con questo meritatissimo premio a Mattia, in fondo si dà anche un riconoscimento alla storia giornalistica familiare”. Feltri ha iniziato la sua carriera giovanissimo al Giornale di Bergamo, per poi passare al Foglio e quindi, dopo una breve parentesi a Libero, fondato dal padre, nel 2005 alla Stampa, di cui oggi è capo della redazione romana».

Avete letto bene? Adesso decifriamo la notizia:

Continua la lettura di NO, NON “E’ GIORNALISMO”: DIO MIO COME SIAMO CADUTI IN BASSO…