Fermiamo le violenze di stato in carcere, il governo riferisca in aula

redazione

               critica liberale sostiene la petizione del quotidiano “domani”

per firmare la petizione clicca su: https://www.change.org/p/ministra-della-giustizia-marta-cartabia-fermiamo-la-violenza-di-stato-nelle-carceri-lo-scandalo-di-santa-maria-f89fb396-1244-4f1a-a8c1-a1c87143e392?recruiter=406242366&utm_source=share_petition&utm_medium=twitter&utm_campaign=share_petition&recruited_by_id=3574a090-74b0-11e5-9431-3180c2f42126

Durante il primo lockdown per contenere il contagio da Covid-19, nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, vicino Caserta, non ci sono mascherine, acqua potabile, biancheria e arriva anche il virus che contagia un recluso.

Alle proteste dei detenuti, il 6 aprile 2020 lo stato risponde con un pestaggio generalizzato, i detenuti vengono picchiati e umiliati, tra sputi e bastonate.

Una violenza definita «orribile mattanza» da Sergio Enea, giudice per le indagini preliminari nell’ordinanza con cui ha disposto 52 misure cautelari (arresti e interdizioni) per agenti e dirigenti, incluso il provveditore regionale per le carceri della Campania. In tutto gli indagati sono 117.

Per mesi la politica i governi Conte e Draghi hanno fatto finta di non vedere. Matteo Salvini ha dato la sua solidarietà agli agenti.

  1. Chiediamo che la ministra della Giustizia Marta Cartabia riferisca in parlamento su questa violenza gratuita. 
  2. Chiediamo che gli agenti di polizia penitenziaria indagati per le violenze vengano sospesi dal servizio. 
  3. Chiediamo che venga finalmente introdotto il codice identificativo sulle divise necessario per riconoscere i responsabili di comportamenti scorretti o violenze. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *