LO SCANDALO DELLA LOTTA ALLA CORRUZIONE

“Abolire la legge Severino”. Salvini provoca di nuovo il governo: ora vuole raccogliere firme coi radicali per un referendum sulla giustizia. Così leggo sui giornali. Finalmente, ditemi dove si firma e mi precipito. La legge Severino contro la corruzione è davvero uno scandalo, va abolita. È mai possibile che in un paese che è pur sempre a civiltà limitata non si possa corrompere ed essere corrotti a piacimento? Perché vogliamo che si continui a pretendere “trasparenza” nella cosa pubblica? Perché non accompagniamo questa iniziativa con una più robusta lotta all’antievasione? Perché non mettiamo in Costituzione l’obbligo periodico di condoni, grazie, ope legis, indulti, sanatorie, abusivismo e non portiamo la capitale d’Italia a Reggio calabria?  Vogliamo fare passi indietro? Il popolo deve dire basta a questo scandalo. Le carte parlano chiaro: alcuni studi compiuti dall’UE e dall’OCSE in materia di corruzione stimano un costo per lo Stato di 60 miliardi l’anno, pari al 3,8% del Pil (con una media UE dell’1%). In un rapporto, datato 2011, l’Italia figurava come il terzo paese OCSE più corrotto, con un punteggio CPI (Corruption Perception Index) pari a 6.1 subito dopo Messico e Grecia. Abbiamo un record che va difeso ad ogni costo. Ma come è stato possibile introdurre una legge che va cosi sfacciatamente contro i costumi nazionali, e che addirittura è stata la pietra angolare del regime ventennale di un malavitoso? Ci siamo distratti un attimo e subito ne hanno approfittato. Addirittura si impedisce per legge a un libero cittadino di candidarsi alle elezioni politiche soltanto perché ha riportato condanne definitive a pene superiori a due anni di reclusione. Si aggravano le pene per i mazzettari e per chi si è macchiato solo di peculato. Addirittura si inibisce ai corrotti di andare al Governo. Non si era mai vista una legge così liberticida che priva i cittadini di delinquere in santa pace. E solo per un gioco politico sleale: si è voluto sottrarre soprattutto a tre partiti, la Lega salviniana, Fratelli d’Italia e Forza Italia una parte consistente della loro classe dirigente. Non passa giorno che i giornali riportano di assessori o politici di quei tre partiti che ingiustamente vengono arrestato o indagati solo per qualche mazzetta milionaria o per aver comprato dalla mafia qualche voto. Possibile  he non si sappia sa che comprare voti, come ha detto oggi Rosso (FdI), già parlamentare e assessore in Piemonte che , comprare volti dalla ‘ndrangheta può essere una “droga” (parole sue), una passione irresistibile?

Già siamo dietro al Messico e alla Grecia, vogliamo precipitare giù dal podio? Meno male che c’è la Lega, capiamo la sua repulsione per la Giustizia, dopotutto è il partito che può vantarsi per le gesta del suo sottosegretario Armando Siri (già exPsi), per non parlare dell’anche troppo abusato riconoscimento della sua capacità di truffare allo Stato i famosi 49 milioni, ma i radicali che hanno a che fare con tutto questo? Un tempo erano per lo stato di diritto, ora sguazzano nel fango assieme a Salvini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *