L’ALLEANZA CONTRO LA DEMOCRAZIA – FORZA NUOVA E CAMORRA

di marco miccoli

La saldatura tra malavita organizzata, ultras del calcio e neofascisti, non è nata nelle piazze di questi giorni, è un’alleanza consolidata da tempo.
Basta leggere le inchieste sull’omicidio di Fabrizio Piscitelli, meglio conosciuto come Diabolik, capo indiscusso degli Irriducibili della Lazio.
In quelle pagine c’è tutto. Sono descritti esattamente il legame e gli interessi comuni che lo sostengono.

Spaccio di droga, usura, controllo delle sale giochi, investimenti nei locali della movida notturna, sono ormai da tempo il terreno su cui si è sancita quella saldatura.
Stanno scatenando la guerriglia contro le istituzioni, perché oggi le misure anticovid stanno pregiudicando i loro interessi. Lo fanno tentando di infiltrarsi in mezzo alla disperazione di molti imprenditori e lavoratori onesti, che vanno tutelati e staccati da quella violenta e intimidatoria protesta.
Le violenze sono organizzate e condotte da esperti della guerriglia e degli scontri di piazza. Hanno una regia ad iniziare dalle convocazioni delle manifestazioni.

Lo dico agli analisti e ai guru che ci spiegano che non è vero che dietro alle violenze c’è questo livello eversivo di organizzazione. Se non capite questo, lasciate stare l’analisi e continuate pure a scrivere fiction per le TV.
Comunque, se l’attacco alle istituzioni democratiche proseguirà, oltre alle giuste misure economiche di contenimento e all’opera della magistratura e delle forze dell’ordine, servirà anche una mobilitazione democratica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *