LETTERA DI UN MEDICO ALLA POLITICA

Ai Politici Italiani, che, dopo aver insultato all’inizio di questa emergenza i Medici di Codogno accusandoli ingiustamente di non aver rispettato i protocolli governativi, ora non sanno fare altro che ripetere “Ringraziamo i medici e gli infermieri, veri eroi di questo momento”, vorrei dire: “Risparmiateci tutte le vostre cazzate, che non sapendo Voi più cosa fare, fate oggi uscire a ruota libera dalle vostre bocche. Adesso, dopo anni di politica sanitaria incosciente, vi accorgete che mancano posti letto? che mancano i macchinari? che manca il personale sanitario e parasanitario ? …… Ma siete davvero degli Statisti educati nelle più prestigiose Università del mondo! Avete rovinato il Sistema Sanitario Italiano, introducendo criteri di selezione che poco avevano a che fare con il merito e le capacità. Aggrappandovi alle proclamate esigenze di ridurre il debito pubblico (che è continuato invece ad aumentare !), avete tagliato i posti letto, chiuso reparti, bloccato le assunzioni.

Ora grazie a Voi l’Italia ha meno posti letto per 1000 abitanti di tutti gli Stati dell’Europa occidentale! Siete riusciti a creare una carenza anche nella professione infermieristica, che fino a qualche tempo fa rappresentava l’unica possibilità di impiego nella Sanità. A seconda delle Regioni avete bloccato i concorsi per dieci – quindici anni, e quando vi siete accorti che per vari motivi (retribuzioni spesso inadeguate all’impegno e alle responsabilità ed ai rischi professionali; inadeguata tutela sociale prima ancora che legale degli operatori sanitari, ecc.) il Medico non lo vuol fare più nessuno, che molti di noi preferiscono migrare all’estero abbandonando la Patria, e che, specie per il Pronto Soccorso, i concorsi vanno deserti, ora cosa fate? Cercate, con qualche mezzuccio, di migliorare il contratto di lavoro, dopo che per molti anni avete favorito la cultura del precariato e dello sfruttamento intensivo della professione medica. Avete seminato vento ed ora raccogliete tempesta. Avete quello che vi meritate! Confidiamo che la gente comune oggi capisca meglio quel che avete fatto e abbia ben presenti le Vostre responsabilità!”.

A tutti i Cittadini italiani che oggi ci ringraziano vorrei invece ricordare: “Noi siamo sempre gli stessi che vengono spesso aggrediti perché state aspettando il vostro turno e voi pensate che chissà cosa stiamo facendo invece di lavorare, siamo sempre gli stessi a cui distruggete i Pronto Soccorsi, siamo sempre gli stessi che “i pennivendoli” sbattono facilmente per qualunque motivo sulla prima pagina dei giornali riscuotendo il vostro plauso pur senza nemmeno conoscere bene i fatti, siamo sempre gli stessi che vengono offesi di continuo perché non capiscono nulla (mentre voi avete studiato alla “Google University”), siamo sempre gli stessi cui distruggete le ambulanze perché secondo la vostra logica siamo arrivati in ritardo, siamo gli stessi a cui spesso intralciate il lavoro perché voi e solo voi sapete cosa si deve fare in quei casi. Siamo sempre gli stessi che vengono uccisi di notte davanti all’ ingresso di un ambulatorio messo lì per voi…. “.

A tutti voi, Politici e Cittadini italiani chiedo “Ma perché…. e soprattutto per cosa ci ringraziate? Forse perché nessuno di voi sarebbe disposto a fare quello che noi facciamo, per libera scelta, ogni giorno? Ci ringraziate perché oggi avete paura? Forse perché continuiamo in silenzio a fare quello che facciamo ogni giorno?”.
Quello che sarebbe bello, invece, una volta spenti i riflettori e calato il sipario di questa sventurata ribalta, sarebbe il trovare in Voi un po’ di rispetto per noi nella quotidianità, nel nostro lavoro di tutti i giorni lontano dal clamore, non ringraziamenti ma solo RISPETTO. Questo basterebbe a farci capire che avete capito….
Io sono solo uno dei tanti Medici italiani…

8 commenti su “LETTERA DI UN MEDICO ALLA POLITICA”

  1. Caro Medico, sono con Lei. Sono tra quelle persone che, invece, hanno sempre portato enorme rispetto a medici e infermieri (avendone avuto tanto bisogno “in casa”) e quindi quando applaudo sul balcone in questi giorni e quando dico che siete degli eroi lo penso dal cuore, lo penso da sempre. E come me ci sono tanti che sono altrettanto sinceri, spero lo sappia e ci creda, perchè forse sapere che c’è tanta vicinanza vera davvero può dare ulteriore forza nel momento di massimo stretching fisico ed emotivo per chi, come Lei, è in prima linea. Penso anche che sarebbe fantastico se Lei si potesse rivelare perchè mi piacerebbe tanto dare un nome e un volto a chi ha avuto il coraggio di scrivere quello che ha scritto Lei. Speriamo che tutto questo serva a svegliare chi non ha messo in primo piano un ambito che ovviamente deve stare in testa alle priorità visto che si tratta di SALUTE (e che siamo un paese di vecchi, quindi con più malati da curare). La abbraccio con tanto rispetto.

  2. Caro medico,
    Sono una persona che ha sempre stimato, ammirato e compreso tutti I sacrifici che fate e la proffessionalita’ che esprimete tutti I giorni. Tutto questo lo dico per esperienza personale, anche se obbiettivamente tra voi c’e’ chi non esprime esattamente tutto cio’. A parte le polemiche, mi commuove eequello vi tengo nel cuore per lo sforzo fisico ed emotivo che state affrontando in questo triste momento ma non credo che non sia giusto mettere tutti nello stesso calderone dell’ingratitudine, dell’incivilta’, della cattiveria. Sono con voi! Buon lavoro

    1. Sono la moglie di un medico di base. Vivo ore di angoscia in questo momento. Condivido pienamente tutto ciò che lei ha scritto. Purtroppo, quando ho diffuso le sue parole, la risposta di tante persone, anche di amici, è stata :”manca la firma”. La meschinità della gente non si cambia nemmeno con un virus. Maria Grazia

  3. Finalmente qualcuno che ha il coraggio di parlare, però .. però gli manca il coraggio di firmarsi… Non voglio ‘condannarla’ per questo, ma solo instillare il dubbio che anche i medici abbiano qualche responsabilità in tutto questo. In particolare il loro vostro Ordine, che più che a tutelare la professione sembra impegnato a garantire … l’ordine.

  4. Caro collega,

    Hai detto cose verissime che chi ha lavorato nel settore conosce e non può che condividere. Probabilmente passato il problema tutto tornerà come prima, come hai esposto in modo chiarissimo nel tuo articolo.

  5. Che stupidaggine! Che c’entra questo Governo con lo scempio fatto negli ultimi vent’anni dai politici venduti?
    E poi mi sembra che fare le vittime per il trattamento che era riservato alla classe medica da parte di alcuni cittadini senza ammettere le cose delinquenziali che tanti medi hanno fatto sia veramente infantile

  6. Questa emergenza sta facendo uscire, in certi casi, il peggio di TUTTI noi, ma (penso/spero) spesso anche il meglio di TUTTI noi, medici e infermieri compresi.
    Il fatto che ora i sanitari si facciano un mazzo tanto mettendo a rischio la loro incolumità e la loro salute dimostra che ora, in questo terribile frangente, sta uscendo soprattutto quel “meglio”.
    Ciò non toglie che alcuni o molti di quegli stessi medici e infermieri che oggi danno il sangue, ieri trattassero con sgarbo, noncuranza, sufficienza e arroganza il paziente.
    Queste recriminazioni quindi, per quanto comprensibilissime, alla lunga stanno diventando stucchevoli.

  7. La lettera del Dottore IGNOTO mi e´ piaciuta moltissima .
    Una lettera sensata , concreta ! A me non interessa chi la scrive
    se e´stato TIZIO, CAIO o SEMPRONIO ; Il contenuto e` molto
    importante . Ma e´ stato sempre cosi` : I nostri politici corrono al
    Quirinale , al Parlamento e al Senato solo per occupare la POLTRONA avere un buon STIPENDIO , si parla fino a 20 mila Euro / mese e dopo la Legislatura acchiapparsi il VITALIZIO . Non dico una cosa nuova e nemmeno ho scoperto l´America . Chi e´ questo popolo che li ha aiutati e li aiuta ancora a tutto questo?
    Pur sapendo (?) che sono incompetenti su molte cose ?
    Io di sicuro NO !!! Perché` non voto NON aiuto con il mio voto
    questi INCOMPETENTI ! Si , siamo d´ accordo ditemi pure che sono un IGNORANTE , io stesso mi dico meglio essere ignorante
    che aiutare questi incompetenti. DOTTORE IGNOTO, LE STRINGO FORTE FORTE LA MANO e un caloroso saluto da parte mia.
    Alfio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *