GUARDARSI ALLO SPECCHIO

[nella foto: Fausto Bertinotti mentre sta dando un pugno in faccia alla Sinistra]

Quando c’è da dare una mano alla Destra, meglio se estrema, Fausto Bertinotti, ex capo della sinistra comunista chic, non si tira mai indietro… Soprattutto se viene sbattuto in prima pagina. Anche adesso sul giornale ultrasalviniano “La Verità” si affanna a chiedere elezioni anticipate. Così pretende il Capitano. C’è fretta. La Lega nei sondaggi lentamente scende e c’ è il rischio che alla fine legislatura non riesca più ad assicurarsi la maggioranza. Figuriamoci se poi nel frattempo escono carte sui 49 milioni truffati dalla Lega Ladrona o sugli affari sporchi con Putin. Bisogna fare presto. Occorrono e  accorrono tutti a darle una mano. Si smuovono persino i cadaveri.

L’appassionante intervista al comunista di Comunione e liberazione è condotta dall’ineffabile Luca Telese, giornalista per tutte le stagioni, anzi – vista la rapidità dei suoi mutamenti – per tutte le settimane. La sua biografia di trasformista è impressionante. Nasce come portavoce del Partito della Rifondazione Comunista. Per poi passare ai Comunisti Unitari. Non gli mancano “l’Unità”, “il Manifesto”, “Il Messaggero” e “Il Foglio” berlusconiano. Persino il periodico di estrema destra “Italia settimanale”, diretto da Pietrangelo Buttafuoco. Per dieci anni lavora al “Giornale”, organo ufficiale di Forza Italia. Poi, con triplo salto mortale carpiato con avvitamento, passa al “Il fatto” di Travaglio. Lo lascia presto per farsi un suo quotidiano, che però fallisce in poche settimane. (Bisogna essere bravini, non solo come trasformisti ma anche come giornalisti, per farsi un quotidiano che duri). Da tre anni scrive su “La Verità” di Belpietro, edizione hard del feltrismo d’estrema destra. Un curriculum da far invidia persino a Sansonetti, direttore del “Trasformista”….

Domanda ai lettori: perché tutti questi comunisti sono passati dall’estrema sinistra, pardon dalla destra rifondarola, alla destra tosta tosta? Hanno qualcosa a che fare col marasma in cui giace il paese?

Paolo Sylos Labini si domandava sempre come riuscissero tipi di questo genere a farsi la barba la mattina non potendo guardarsi allo specchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *