SI COMUNICHI LEI…

28 aprile 1977 giorno del gravissimo assassinio dell’avv. Fulvio Croce, presidente del consiglio dell’Ordine degli avvocati di Torino, vittima della dissennata e ingiusta violenza terrorista per aver difeso sino al sacrificio estremo il diritto alla difesa e il sacro dovere delle toghe di tutelarlo . Fedele alla toga e all’ordinamento costituzionale . Professionista esemplare, liberale piemontese di solida tempra cavouriana  lo onoriamo.  Ci piace ricordarlo, per sfuggire alla tristezza, come uomo mite e probo,   quando da liberale impenitente in un processo  apostrofava il  Magistrato che ordinava “Si comunichi”,  cosi’: “si comunichi lei!”. ..

USCITO IL N. 32 DE “GLI STATI UNITI D’EUROPA” SCARICABILE GRATIS QUI

per scaricare il pdf clicca qui.

Indice
editoriale
04 – giovanni vetritto, il voto utile è inutile
diario europeo
08 – aurelia ciacci, elezioni europee, chi come e quando
11 – cristiano zagari, il buco nero dell’europa: la consapevolezza
lo stato dell’unione
14 – guido scorza, nuove regole sul diritto d’autore online, una questione di democrazia
19 – stefano rolando, federalismo, territori e città
d’oltralpe
23 – dhurata hoxha, il cammino di adesione del kosovo all’ue
pagine federaliste
26 – aurelio peccei, la visione di un precursore
29 – hanno collaborato

Veltroni riscopre Matteotti novantacinque anni dopo

di  vittorio emiliani

Caro direttore,  giorni fa, inopinatamente, abbiamo appreso che Walter Veltroni aveva in qualche modo scoperto Giacomo Matteotti a novantacinque anni dal tragico rapimento sul Lungotevere Arnaldo da Brescia e dalla soppressione del più coraggioso ed esposto dei deputati dell’opposizione socialista, e non solo. Fa piacere constatare che un personaggio fondamentale del socialismo riformatore sia entrato nell’album di famiglia di un ex comunista. Che per la verità in passato si era dichiarato, se non erro, “clintoniano”, un modello piuttosto remoto sia dal Pci che dal rigore matteottiano. Ma tant’è. Sentire un esponente dell’ex Pci fa suo uno degli esponenti socialisti più genuini fa sempre piacere a quanti non si sono mai vergognati di dirsi ”socialisti”.

Continua la lettura di Veltroni riscopre Matteotti novantacinque anni dopo

MA SIRI ANCORA PRIMA ERA INDEGNO DI STARE NEL GOVERNO (con una postilla)

di franco pelella

Caro direttore, ho visto Matteo Salvini al telegiornale. Insiste nel dire quello che sta dicendo da giorni a proposito del sottosegretario leghista Armando Siri: noi non siamo giudici ma aspettiamo che siano i giudici a stabilire se Siri è colpevole o meno e fino a quel momento Siri non si dimetterà da sottosegretario. La posizione di Salvini è contraddittoria per molti aspetti. Innanzitutto quando egli è stato indagato per la vicenda della nave Diciotti non ha aspettato che fossero i giudici a decidere ma ha preteso che fosse la politica a salvarlo. Inoltre, e soprattutto, Siri è stato già condannato in via definitiva per bancarotta fraudolenta (nel 2014 ha patteggiato una condanna a un anno e otto mesi di reclusione). I giudici, quindi, hanno già deciso (anche se in un altro processo) per la colpevolezza di Siri. Dovrebbe bastare questo fatto a far dimettere Siri da sottosegretario e da senatore (e far fare una profonda autocritica a leghisti e 5stelle per aver accettato la sua nomina a sottosegretario nonostante la condanna subita).

Continua la lettura di MA SIRI ANCORA PRIMA ERA INDEGNO DI STARE NEL GOVERNO (con una postilla)

LINEE GUIDA PER UNA PRIMA RIFORMA DELL’EDITORIA DELLE IMPRESE GIORNALISTICHE E TELEVISIVE

di enzo marzo, portavoce della “Società Pannunzio per la libertà di informazione”

In attesa che maturi nel dibattito pubblico la consapevolezza della necessità di giungere alla separazione tra il potere mediatico e gli altri due poteri (economico e politico), così come è stato delineato nel mio Le voci del padrone (edizioni Dedalo, Bari, 2006), è urgente almeno perseguire la finalità dell’indipendenza dei media da una imprenditorialità che non abbia come unico scopo l’impresa editoriale.

Continua la lettura di LINEE GUIDA PER UNA PRIMA RIFORMA DELL’EDITORIA DELLE IMPRESE GIORNALISTICHE E TELEVISIVE