BAMBINO PER TUTTE LE GIORNATE

di enzo marzo

Vi sono uomini per tutte le stagioni, tanto per fare un esempio, Freccero, che secondo la stagione tifa o per  Ingroia  o per Salvini. Giggino, ancora in prima elementare, li batte tutti perché ci mette solo un giorno per cambiare idea. D’altronde il suo testo base sulla diplomazia e sulla politica estera è il Risiko, da lui bazzicato invece di fare i compiti. Ricordiamo una sua intervista a “Le Monde” prima delle elezioni del marzo scorso in cui si professava macroniano e soprattutto europeista di ferro. Il giorno dopo invece….

Adesso, saltato sulla ruspa salviniana si allea con i casseurs che sfondano i portoni dei ministeri, ma poche ore dopo scrive a “Le Monde” elogiando la Francia come un paese amico e il suo popolo come un punto di riferimento «con la sua tradizione democratica millenaria».

Giggino non si fonda sui libri della scuola primaria, ma sulla sua esperienza di vita: infatti nel 1019 il fondatore della dinastia dei Casaleggio, Casaleggio 0.000, si inventò proprio in Francia la democrazia, giusto mille anni fa.

Dati i mezzi tecnologici limitati escogitò che ogni francese dovesse inviare a lui un piccione viaggiatore con il voto per scegliere il Re, che comunque sarebbe rimasto sempre lui. A parte qualche errore di calcolo non voluto o qualche “deroga” o  l’intervento dei perfidi falchi che annullavano spesso e volentieri le schede mangiandosi i piccioni, la cosa funzionò tanto che la Francia diventò antesignana della monarchia costituzionale con Luigi XIV, famoso per la sua frase di stampo salviniano: «Le peuple c’est moi».

Intanto, in quell’epoca, le stelle giravano ancora attorno alla Terra come fanno ora attorno al nuovo Sovrano democratico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *