CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLE RICERCHE LAICHE DI CRITICA LIBERALE

Conferenza stampa di presentazione

Le  ricerche sulla secolarizzazione e sulla presenza delle confessioni religiose in TV

L’Intergruppo Parlamentare per la laicità 

Varie iniziative per la laicità delle istituzioni

Sala Stampa della Camera dei Deputati via della Missione, 6

martedì 18 dicembre 2018 ore 13,00

Viviamo in un’epoca in cui l’integralismo, non solo religioso, e l’abuso di approcci sociali e politici basati sul fideismo più cieco, stanno lentamente e inesorabilmente intaccando il principio di ragionevolezza e la laicità delle istituzioni.  Crediamo sia importante, invece, promuovere la forza della ragione e un approccio logico e laico alle questioni sociali, culturali e politiche.

Intervengono:

On. Luca Pastorino

Enzo Marzo, direttore di Critica liberale

Avv. Andrea Maestri, già deputato

Avv. Ilaria Valenzi, consigliere legale della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia per la libertà religiosa

comunicazioni:

Giorgio Salsi, promotore delle Giornate della Laicità di Reggio Emilia

Mirella Sartori, Responsabile di Italia Laica

Carlo Troilo, promotore di iniziative per il 90° anniversario del Concordato

 Saranno presenti tra gli altri

Sergio Lariccia, Luciano Visco, Giovanni Vetritto, Aulo Chiesa

Per l’ingresso è indispensabile la giacca (per gli uomini) e l’accredito

Per accrediti e informazioni            info@criticaliberale.it

Un commento su “CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLE RICERCHE LAICHE DI CRITICA LIBERALE”

  1. L’invadenza confessionale e la ossessione propagandistica in ogni luogo e in tutte le forme serve a giustificare e conservare tutte le posizioni di preferenza e privilegi, prime fra tutte i finanziamenti assicurati anche con indecenti trucchi legislativi, difesi dai politici che sono prima fedeli ed in seconda fase cittadini. Si perpetua così non la irregolare, incostituzionale favor, ma anche la contraddizione anche teologica, perchè si prende e si dà congiuntamente ciò che è di Cesare e cio’ che sarebbe di dio. Dante si rivolta nella tomba, dopo aver tanto sostenuta la separazione fra Trono ed Altare in quel suo primo trattato di Teoria dello Stato, nel suo testo il : De Monarchia. Rischiò il rogo, fu bruciato però solo il libro, ristampato a fine ‘800, grazie ai governi laici della Italia finalmente riunificata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *