SALVINI, ARRIVEDERCI TRA 25 ANNI

di enzo palumbo

Art. 289-ter cod. pen.: Sequestro di persona a scopo di coazione (1)

Chiunque, fuori dei casi indicati negli art. li 289 e 630 sequestra una persona o la tiene in suo potere minacciando di ucciderla, di ferirla o di continuare a tenerla sequestrata al fine di costringere un terzo, sia questi uno Stato, una organizzazione internazionale tra più governi, una persona fisica o giuridica o una collettività di persone fisiche, a compiere un qualsiasi atto o ad astenersene, subordinando la liberazione della persona sequestrata a tale azione od omissione, è punito con la reclusione da venticinque a trenta anni”.

(1) Articolo inserito dall’art. 2, comma 1, lett. a), D. Lgs. 1° marzo 2018, n. 21, a decorrere dal 6 aprile 2018.

Qualcuno dovrebbe ricordare a chi abbia competenza e responsabilità l’esistenza di questa chiarissima norma penale, la cui semplice lettura fa forse anche capire perché non sia sin qui emerso un provvedimento formale, scritto e firmato da qualche funzionario del Ministero dell’Interno o di P. S., che vieti lo sbarco dei migranti attualmente trattenuti contro la loro volontà sulla MN Diciotti della Guardia Costiera, ormeggiata nel porto di Catania.

E dovrebbe ricordare a quanti altri l’esistenza dell’art. 55 del codice di procedura penale, il quale stabilisce che “La polizia giudiziaria deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori, ricercarne gli autori, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e raccogliere quant’altro possa servire per l’applicazione della legge penale”.

Non può continuare così, qualcuno gli dica di smettere!

Un commento su “SALVINI, ARRIVEDERCI TRA 25 ANNI”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *