NUMERI DURI CONTRO PROPAGANDA (COME LA “PANCIA” SI BEVE QUALUNQUE MENZOGNA)

di alberto  magnani (da “Sole 24 ore”, 29 agosto 2018)

Migranti, tutti i numeri
dell’«invasione» che non c’
è.

La gestione dei migranti è una polemica a scatto fisso fra Roma e Bruxelles. O meglio, a scatto ritardato: nonostante le tensioni politiche e la sovraesposizione mediatica, l’arrivo di stranieri su scala quotidiana è diminuito di oltre 7 volte rispetto al 2016. Un calo accompagnato, paradossalmente, alla crescita delle ostilità degli italiani al fenomeno migratorio e a una percezione distorta dell’incidenza reale di stranieri sul totale della popolazione residente.

Continua la lettura di NUMERI DURI CONTRO PROPAGANDA (COME LA “PANCIA” SI BEVE QUALUNQUE MENZOGNA)

FIGLI E OMOSESSUALITÀ, I CINQUE ERRORI DEL DISCORSO DEL PAPA SUL RICORSO ALLA PSICHIATRIA

di paola biondi  (Ordine Psicologi Lazio), ripreso da Ilfattoquotidiano.it

Le recenti parole del Papa, interrogato sull’omosessualità e,  più nello specifico, sull’atteggiamento che un genitore dovrebbe tenere nei confronti di figli o figlie omosessuali intenzionati a iniziare una vita insieme al proprio o alla propria partner, ha occupato pagine di giornali e alimentato una vivace discussione. A tutela della verità scientifica e del rispetto dovuto verso qualsiasi orientamento sessuale, è forse opportuno riflettere su alcuni passaggi tratti dalla versione integrale della sua risposta.

Continua la lettura di FIGLI E OMOSESSUALITÀ, I CINQUE ERRORI DEL DISCORSO DEL PAPA SUL RICORSO ALLA PSICHIATRIA

VACUO E AMORALE

Che il retore Veltroni pontifichi su quattro interminabili e poco lette e leggibili colonne di una disperata Repubblica (il quotidiano che lo ospita in modalità evangeliche ) sui massimi sistemi, partendo anche dall’assunto un po’ risibile  di essersi iscritto al PCI in quanto egli era kennediano (e ora anche ammiratore di Mac Cain  il senatore repubblicano defunto già combattente in Vietnam) fa riflettere sulla vacuità e ad un tempo amoralità di un ceto politico che non riesce a mettersi da parte nonostante sconfitte ingloriose prima che evidenti. Anche sul vuoto di una “sinistra” senza popolo ma anche acefala.

ALL’ASILO, ALL’ASILO

di virgilio dastoli

Di Maio dovrebbe leggere o farsi leggere più attentamente le dichiarazioni della Commissione europea e consultarsi con il ministro degli esteri prima di abbaiare alla luna.
La farsa di cui parla il commissario europeo Oettinger riguarda solo i 20 miliardi di Euro che scioccamente Di Maio minaccia di non pagare all’Unione europea perché i governi nazionali non rispettano un inesistente patto che sarebbe stato sottoscritto al Consiglio europeo di Bruxelles.
Il saldo negativo contabile dell’Italia per il 2018 è di 3 miliardi di Euro di cui 2.4 miliardi sono stati già pagati e dunque la minaccia si riduce nel 2018 a seicento milioni che devono essere pagati in tranche mensili il primo di ogni mese.
Il governo Conte-Salvini-Di Maio minaccia inoltre di mettere il veto sul bilancio 2019 ma nessuno ha spiegato all’avv. Conte e ai suoi viceprimi ministri che il bilancio annuale si vota a maggioranza.
Il ministro dell’interno ha infine fatto intendere che il suo governo potrebbe mettere il veto sulle prospettive finanziarie 2021-2027….che saranno votate fra due anni.
Conte, Di Maio e Salvini possono anche lasciare i loro cappelli a Roma e recitare a Bruxelles la loro farsa a testa nuda.

[NOTA REDAZIONALE: Si fa notare che Matteo Salvini è stato deputato presso il Parlamento europeo, dove evidentemente non ha imparato neppure le nozioni fondamentali]]

UN BEL REGALO DI NATALE ALLA LEGA DI SALVINI

di alessandro giacomini

 Roma + Vaticano = Pinzolo, l’addizione dall’inaspettato risultato non è certo un caso, anzi.

Pinzolo, già denominata la Pontida 2.0 è stata , per una settimana, la sede politica del governo Italiano compreso quello Vaticano, le risoluzioni adottate nell’effimero periodo avranno ripercussioni politiche per un lasso di  tempo maggiore e determinanti per l’intero paese ma soprattutto per il Trentino. Una settimana delicatissima per l’istrionico “ primo “ ministro Matteo Salvini e per la chiesa cattolica, sommersa in tale periodo dagli scandalosi casi di pedofilia, che ha reso Papa Bergoglio ad una popolarità irrilevante, mentre “ il primo ministro Salvini “, nonché segretario della Lega, è stato indagato dalla procura di Agrigento per sequestro di persona per la vicenda “ Nave Diciotti “ .

Continua la lettura di UN BEL REGALO DI NATALE ALLA LEGA DI SALVINI

LA LEZIONE ALBANESE + INCONTRI TRA VERI UOMINI DI STATO

  1. “Non abbiamo perso il senso della storia, sogniamo un futuro migliore e in una Europa compiuta secondo lo spirito dei fondatori.  Uscire dalla UE vuol dire uscire dalla Storia, cambiare la Ue è entrare nel futuro “. (Edi Rama già sindaco di Tirana e premier albanese ). Da noi c ‘è anche chi, come Salvini e altri al governo con lui, fa di tutto per creare i presupposti per uscire o farsi cacciare. Anche strumentalizzando indegnamente la triste  vicenda umana di un centinaia di persone. Imparate la lezione che viene anche da Tirana. A proposito il trota non si era “laureato” in Albania? 
  2. E’ più rilevante che Salvini abbia incontrato “privatamente” ma in una  sede governativa il premier Orban o che Orban abbia  deciso di  incontrare Salvini senza il premier  Conte?