USCITO IL N. 48 DI “NONMOLLARE” – SCARICABILE GRATIS QUI

per scaricare il pdf clicca qui

Sommario
esclusiva
3. claudia lopedote, la brutalità della polizia di hong kong e l’abuso di potere
la biscondola
4. paolo bagnoli, dietro il baratro, davanti un salto nel buio?
res pubblica
6. angela d’alto, lettera aperta a salvini
la vita buona
7. valerio pocar, egoisti o imbecilli?
osservatorio laico
10. maurizio mori, la pochezza delle ragioni del cardinal bassetti
11. mozione del senato, ridurre i privilegi della chiesa cattolica
nota quacchera
12. gianmarco pondrano altavilla, chiarezza disperatamente cercasi
lo spaccio delle idee
13. francesca palazzi arduini, l’irresistibile papeetezza dell’essere
18. comitato di direzione
18. hanno collaborato
4-6-7-9-15. bêtise

LA BRUTALITÀ’ DELLA POLIZIA DI HONG KONG E L’ABUSO DI POTERE [anche versione inglese]

Cronache di inaudita violenza istituzionale. La testimonianza diretta di un cittadino di Hong Kong.

di claudia lopedote

            Nel giugno scorso abbiamo seguito con apprensione e incredulità il susseguirsi degli eventi ad Hong Kong quando, in seguito all’introduzione del disegno di legge che consentirebbe alla Cina continentale di estradare sul suo territorio tutte le persone accusate di reati punibili con una pena superiore ai sette anni di detenzione, le proteste di milioni di cittadini sono incominciate, e l’illusione della “libertà speciale” di Hong Kong è finita.

            Ad agosto, le notizie sono diventate man mano sempre più gravi, con prove evidenti della brutalità della polizia contro i manifestanti. Sebbene le immagini arrivate fino a noi si siano rivelate poca cosa rispetto all’enormità delle violenze subite e documentate dai manifestanti.

            Poi, d’improvviso, ad inizio settembre ci hanno voluto rassicurare: tutto risolto, l’Extradition Bill è stato ritirato, si torna a casa felici e contenti.

            Molti politici e personaggi pubblici sensibili alle istanze dei cittadini di Hong Kong hanno accolto con sollievo le buone notizie. Guy Verhofstadt, tra questi, condividendo la notizia, ha scritto: “The people of #HongKong made a stand for their freedom and prevailed. This is a hugely positive development. Now for democratic safeguards, the release of political prisoners and an independent investigation into police brutality”.

            Purtroppo, niente di tutto ciò è vero.

Continua la lettura di LA BRUTALITÀ’ DELLA POLIZIA DI HONG KONG E L’ABUSO DI POTERE [anche versione inglese]

DI NECESSITÀ VIRTÙ, INTANTO SALVIAMO LE ISTITUZIONI

dI paolo bagnoli

Il nuovo governo è nato e Giuseppe Conte, non più avvocato del popolo, ma capo condominio politico del nuovo stabilimento Pd-5 Stelle, ha iniziato la sua nuova avventura invitando gli italiani a sognare. Beh, questa volta, rispetto alla previsione del 2019 quale anno bellissimo, dobbiamo dire che, sicuramente in modo involontario, ha intercettato il desiderio di tanti italiani che non rinunciano, nonostante tutto, a sognare un paese normale governato da una politica democratica degna di questo nome. Vedremo se il Conte bis marcerà in tale direzione; vedremo!

Nato a seguito di una crisi anomala aperta da un improbabile e goffo Salvini, ipotizzato da autorevoli esponenti tutti di provenienza democristiana, perorato dall’area ex-comunista presente nel Pd e nei 5Stelle,auspicato da esponenti europei di primo piano, battezzato all’annuncio della sua sola possibilità di nascere dal calo subitaneo dello spread, ben visto da quella parte della gerarchia cattolica che non aveva sopportato il leghista dai toni crociati assumere la veste di predicatore madonnaro, fecondato dalla paura di un voto anticipato che avrebbe potuto portare Salvini a Palazzo Chigi, era praticamente scontato che quanto fino a qualche tempo orsono sembrava contro natura – ossia l’intesa tra Pds e 5 Stelle – mandate alle ortiche in un tempo più breve dello spazio di un mattino tante bellicose posizioni intransigenti, prendesse corpo. Crediamo con un sospiro di sollievo di Mattarella. Sarà bene, tuttavia, che il presidente  faccia esercizi respiratori profondi perché, ancor prima della conclusione positiva della trattativa, sono emersi segni di inquietudine da parte di un Renzi tornato prepotentemente sulla scena politica.

Intendiamoci: che Salvini sia fuori dal governo è certamente positivo e aver impedito che ci potesse tornare più che positivo; alla fine una qualche logica, se non altro antirazzista, ha prevalso. 

Continua la lettura di DI NECESSITÀ VIRTÙ, INTANTO SALVIAMO LE ISTITUZIONI

In difesa dello scontro sulle poltrone

di riccardo mastrorillo

Ripartiamo da Einaudi e dal già citato resoconto della seduta dell‘8 gennaio 1947, della prima Sezione della seconda Sottocommissione della Commissione per la Costituzione

Ora, i programmi possono essere formulati da chiunque, e non si distinguono mai l’uno dall’altro: badando ad essi non si costruisce niente. Se v’è una costruzione solida, essa dipende dalle persone che rappresentano il programma e vogliono attuarlo. Figurarsi che soltanto con una votazione fatta su un programma si possa assicurare stabilità al Governo, è figurarsi qualcosa che può stare sulla carta, ma che non ha alcun rapporto con la realtà.

Continua la lettura di In difesa dello scontro sulle poltrone

Le stupidità parallele

Ci sono manuali preziosi sul fenomeno della stupidità. Ma è la realtà quotidiana a smentire sempre la previsione che, pur altissimo, ci sia un limite all’idiozia. I casi di Di Battista e di Renzi sono esemplari. Solo per il fatto che si fosse rimangiato per motivi di bassa cucina parlamentare la sua linea scellerata, cui l’intero gruppo dirigente del PD si era assoggettato dopo le elezioni dell’anno scorso, è sembrato che il capo del cerchio magico avesse accantonato la sua tradizionale idiozia. E invece no. L’irresistibile forza che lo costringe ad anteporre le sue ambizioni al bene del paese lo sta vincendo ancora una volta.

LA COLONNA INFAME, OVVERO IL TRIONFO DELLA TURPITUDINE – 2 –

AGGIORNAMENTO 2:  new entries  (salvini 4-5-6-7, starnone 1)

Oramai è diventato uno tsumani. Usando i social come manganelli il peggio degli italiani quotidianamente svuota il proprio ventre contro chiunque. È inarrestabile? Crediamo di no. Basterebbero un paio di provvedimenti, come quello di imporre l’obbligo che ogni chat o sito o blog avesse un “Responsabile” non solo dei propri contenuti ma anche di tutti i commenti pubblicati o che i presentatori o gli autori delle trasmissioni televisive fossero sospesi qualora ospitassero i soliti noti solo per farli brandire sedie e sbraitare a comando  per alzare di qualche decimale l’auditel e abbassare la civiltà del nostro paese. Per il resto crediamo che la peggiore sanzione sia quella di sottolineare i casi clamorosi, soprattutto se i protagonisti sono politici che pretendono di rappresentare il nostro paese e si dedicano quotidianamente a vellicare i suoi istinti più turpi. La nostra sarà una battaglia di testimonianza contro i truci, i torvi, i biechi, i burini, i feroci, gli efferati, i volgari, i razzisti, i triviali, gli osceni, gli sciacalli, i cafoni, gli incivili, gli sguaiati, gli avvoltoi, gli esibizionisti della propria idiozia che stanno dominando incontrastati la scena pubblica. Li metteremo in gara tra di loro.

[Naturalmente gli autori di questa rubrica saranno soprattutto i lettori. Li preghiamo di segnalarci (con la fonte) gli interventi pubblici o sui social che più li hanno colpiti. Indirizzare a info@criticaliberale.it]

 

Continua la lettura di LA COLONNA INFAME, OVVERO IL TRIONFO DELLA TURPITUDINE – 2 –

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza dei cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi