MEDAGLIA D’ORO PER “libero”

Data storica per il giornalismo italiano. Con una certa emozione stamattina, mercoledì 9 aprile 2020,  abbiamo scoperto che Littorio Feltri , direttore di “Libero”, ha voluto formalizzare il ruolo che da tempo sta svolgendo nella stampa italiana e ha arricchito la testata con una qualifica più precisa e ben meritata. Potrebbe sembrare solo un aggiustamento grafico,  invece è un’orgogliosa presa d’atto della supremazia raggiunta nei confronti di competitori come Belpietro, Sallusti, Sansonetti  e persino Bechis che, nonostante gli sforzi e la buona volontà, non riescono a raggiungere i vertici di “Libero”  e quindi a minacciarne la  funzione di rappresentanza vera della cartacea Destra-trash.  Adesso, dall’alto del picco raggiunto, non gli resta che superare sé stesso.  [e.ma.]

TUTTI ASSIEME APPASSIONATAMENTE: CHI HA CORROTTO E DIVORATO L’ITALIA

La situazione è tragica. Adesso è la stagione dei morti e della sofferenza. Poi ci sarà la stagione della miseria e dell'”assalto alla diligenza”. Dovrà rinascere una Terza repubblica, davvero liberal-democratica, fondata sul serio sui valori costituzionali, sulla libertà, sulla giustizia e sullo stato sociale. Tutto ciò non potrà avvenire senza una vera resa dei conti, senza una riflessione critica di quanto è avvenuto negli ultimi venticinque anni, quando la gran parte della classe dirigente (assolutamente non solo quella politica) ha corrotto l’etica pubblica alle fondamenta, ha immiserito  il paese, ha violato, addirittura irriso, le regole dello stato di diritto, ha svuotato le Istituzioni, ha fatto dilagare corruzione, evasione, egoismi, disuguaglianza. Ha depenalizzato ogni mascalzonata non solo in termini giuridici, ma, ciò che è più grave, nel giudizio morale degli individui.

Non può nascere alcuna Terza repubblica se non risorge presso i cittadini un sentimento critico di rigetto e di indignazione nei confronti della criminalità, dell’ignoranza,  della demagogia, del dilettantismo, del servilismo informativo che hanno imperato, La responsabilità di questo disastro è di (quasi) tutti. Naturalmente la salvezza non va affidata a nessuna caricatura di “Uomo forte” o a veri o pseudo Tecnici, bensì alla Politica, con i suoi sacrosanti conflitti di idee, di valori e di interessi. Ma non può nascere alcuna Terza repubblica se non si riconosce alla Serietà un valore fondante. Chissà se il Coronavirus ucciderà anche l’eccessiva e colpevole sopportazione degli italiani. Deve cominciare un’epoca di Severità. Noi lo auspichiamo. [e.ma.]

Qui alleghiamo un video molto significativo sulla Lombardia presente e passata.

CORONAVIRUS IN LOMBARDIA, DOPO MANI PULITE CI SARA’ TAMPONI PULITI?IN PROCURA I PRIMI ESPOSTI – LO SCANDALO DELL’EMENDAMENTO SALVINI

di pino nicotri

“Se credono di coprire le loro responsabilità continuando a ripetere ‘Siamo in guerra, siamo in guerra!’ in modo da tappare la bocca ai “disfattisti”, si sbagliano. E di grosso. Per riparare al fatto di avere mandato medici e infermieri all’assalto del coronavirus a mani nude o armate solo di baionette, come i fanti italiani delle guerre mondiali contro trincee nemiche e carri armati,  dovranno come minimo assegnare la medaglia d’oro a quelli che ci hanno lasciato la pelle. E oltre alle necessarie indagini della magistratura sarà il caso che si faccia un bella commissione d’inchiesta parlamentare. I medici di base hanno già cominciato a muoversi. Quelli ospedalieri seguiranno. A migliaia, se non vengono minacciati”.

Il medico che mi parla, di un ospedale milanese, è un fiume in piena. Smette di parlare solo perché scoppia a piangere per lo sdegno, la rabbia, il dolore.

Continua la lettura di CORONAVIRUS IN LOMBARDIA, DOPO MANI PULITE CI SARA’ TAMPONI PULITI?IN PROCURA I PRIMI ESPOSTI – LO SCANDALO DELL’EMENDAMENTO SALVINI

DEMOCRAZIA DOPO IL COVID 19

di gim cassano

Sono molti gli interrogativi che si pongono coloro che ritengono ancora, per dirla con Churchill (la cui arguzia andava ben oltre il pensiero politico) che “la democrazia sia la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte le altre sinora sperimentate”. In buona sostanza, ci si chiede se e come la democrazia potrà sopravvivere alle emergenze attuali: prima a quella sanitaria e poi a quelle economico-sociali e sicuramente anche politiche che ne seguiranno, interne ai singoli Paesi e nei rapporti tra questi.

Dovremo cioè immaginare che queste emergenze possano trovare risposta solo nel dilagare dei nazional-populismi o con l’adottare modelli di autoritarismo politico-tecnocratico posti a tutela di economie improntate a criteri ordo-liberisti se non apertamente liberisti, nelle quali, oltre che vanificare diritti individuali e sociali ed estendere e approfondire le diseguaglianze interne ed esterne, sia compressa l’autonomia, la vitalità e l’esistenza dei corpi sociali intermedi, e nei quali sia mantenuto poco più che un simulacro di democrazia formale, fondato sulla preminenza degli esecutivi e sullo svuotamento della rappresentanza popolare? Dovremo immaginare che l’unica alternativa all’incapacità di governo degli scarsi organismi sopranazionali sia la ripresa dello Stato-Nazione?

Francamente, credo che la risposta possa e debba essere diversa da questi scenari.

Continua la lettura di DEMOCRAZIA DOPO IL COVID 19

IL MONDO CHE RINASCERÀ: SIAMO STANCHI DELL’INDECENZA

di angelo perrone

Nulla sarà più come prima”, sentiamo dire in giro, e lo pensiamo anche noi. Vallo a sapere quando accadrà, intanto. Un pensiero che genera ansia. Nessuno è in grado di prevederlo, nemmeno gli scienziati che ogni giorno illustrano i misteri del virus e si avventurano nel futuro possibile. Lo fanno in diretta, perché essi stessi fino ad ieri non ne sapevano granché e lo stanno scoprendo solo ora, lentamente. Medici impegnati in prima linea, con molti caduti. Cercando di imparare dal contagio che dilaga. Facendo esperienza del dolore. Difendendosi ogni giorno dall’assalto dell’infezione.

Quando si potrà parlare di un “prima”, perché siamo entrati nel “dopo”? Alle spalle il disastro, faremo un conto delle macerie e dei morti.

Continua la lettura di IL MONDO CHE RINASCERÀ: SIAMO STANCHI DELL’INDECENZA

USCITO IL N.61 DI “NONMOLLARE” – SCARICABILE GRATIS QUI e anche sul fattoquotidiano.it

per scaricare il pdf clicca qui e anche su ilfattoquotidiano.it: https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/04/07/coronavirus-visto-che-il-vernacoliere-e-fermo-consoliamoci-con-libero/5762748/

Sommario
res publica
5. antonio caputo, dalla fase 1 alla fase 2
la vita buona
6. valerio pocar, curati o abbandonati?
la biscondola
10. paolo bagnoli, i neocrociati e il fondamentalismo
cronache da palazzo
11. riccardo mastrorillo, democrazia e diritto secondo meloni
nota quacchera
12. gianmarco pondrano altavilla, quella lontananza che fa male alla comunicazione
lo spaccio delle idee
14. maurizio fumo, quer pasticciaccio brutto della prescrizione
16. roberto fieschi, don ferrante e la peste
17. paolo fai, così è stato, così sarà
in fondo
19. enzo marzo, vogliamo il governo dei migliori
21. comitato di direzione
21. hanno collaborato
5-9-16-17-18-20. bêtise
20. bêtise d’oro

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza dei cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi