La legge sul divorzio: 50 anni di civiltà laica

la registrazione dell’evento sul canale youtube della Fondazione https://www.youtube.com/watch?v=SUSfSe2NOqs

All’alba del 1 dicembre 1970, dopo una lunghissima seduta, la Camera dei deputati approva definitivamente la legge sul divorzio. Fu una svolta sociale e politica di proporzioni enormi, forse la riforma più rivoluzionaria nella storia dell’Italia, eppure oggi, a parte qualche comunicato e qualche breve articolo sui quotidiani, viene passata, dalle istituzioni sotto silenzio.

La Fondazione Critica liberale, che conserva l’archivio del divorzio di Antonio Baslini, ha organizzato un convegno per ricordare quella svolta, convegno trasmesso in diretta ieri e ancora presente, sulla pagina facebook e sul canale youtube della Fondazione, con la partecipazione di Beatrice Rangoni Machiavelli, Giovanni Crema, Maria Mantello, Enzo Marzo e Gianfranco Spadaccia.

Nonostante l’ottusa opposizione della Democrazia Cristiana, e dopo aver vinto le riottose e ipocrite resistenze del Partito Comunista, l’introduzione del divorzio in Italia, unico paese della Comunità europea che non l’aveva, costituì la più grande vittoria laica della storia repubblicana e aprì la strada a quella stagione di riforme civili, in primis la riforma dell’arcaio e maschilista diritto di famiglia, come ricorda Beatrice Rangoni Machiavelli, che fu l’artefice indefessa e intransigente, insieme a Pannella, della battaglia sociale e politica fuori dal parlamento.

Una ricorrenza storica politica e sociale così importante, avrebbe avuto diritto ad una commemorazione ufficiale delle istituzioni e anche dei media: la Rai se l’è cavata con un breve documentario andato in onda la sera tardi di domenica, mentre le Istituzioni Pubbliche non hanno pensato nemmeno ad un francobollo celebrativo. Questa mancanza rappresenta plasticamente la necessità di proseguire quella battaglia di civiltà per avere finalmente un Italia, Laica ed Europea.

USCITA LA NEWSLETTER n.20/2020 DI ITALIALAICA

.it

Il sito dei laici italiani vi segnala:

Editoriale
LA LAICITÀ, IN FRANCIA E ALTROVE 
Attilio Tempestini 25.11.2020

A più di un mese dalla morte di un insegnante francese, per mano di un fanatico musulmano, vedrei diversi spunti per tornare su questioni del genere. In primo luogo appare interessante seguire, nelle sue prese di posizione, quel Consiglio Francese del Culto Musulmano (CFCM) dal quale dopo… 


Articoli
CATECHESI RELIGIOSA ED ETICA LAICA A CONFRONTO 
Paolo D’Arpini 27.11.2020

Un’idea morale ed un’etica utopica esercitano sovente un grande appeal attrattivo su molti intellettuali. Come tutte le idee aldilà della portata attuativa rischia però di diventare un’altra forma di “ismo”, una ideologia che si prefigge attraverso i suoi propagatori di elevare la…

Continua la lettura di USCITA LA NEWSLETTER n.20/2020 DI ITALIALAICA

IO VI ACCUSO

di  marco galice 

Barbara D’Urso, Maria De Filippi, Alfonso Signorini, Alessia Marcuzzi e tutta la schiera della vostra bolgia infernale… io vi accuso.

Vi accuso di essere tra i principali responsabili del decadimento culturale del nostro Paese, del suo imbarbarimento sociale, della sua corruzione e corrosione morale, della destabilizzazione mentale delle nuove generazioni, dell’impoverimento etico dei nostri giovani, della distorsione educativa dei nostri ragazzi.

Voi, con la vostra televisione trash, i vostri programmi spazzatura, i vostri pseudo spettacoli artefatti, falsi, ingannevoli, meschini, avete contribuito in prima persona e senza scrupoli al Decadentismo del terzo millennio che stavolta, purtroppo, non porta con sé alcun valore ma solo il nulla cosmico.

Siete complici e consapevoli promotori di quel perverso processo mediatico che ha inculcato la convinzione di una realizzazione di sé stessi basata esclusivamente sull’apparenza, sull’ostentazione della fama, del successo e della bellezza, sulla costante ricerca dell’applauso, sull’approvazione del pubblico, sulla costruzione di ciò che gli altri vogliono e non di ciò che siamo.

Questo è il vostro mondo, questo è ciò che da anni vomitate dai vostri studi televisivi.

Continua la lettura di IO VI ACCUSO

convegno La legge sul divorzio: 50 anni di civiltà laica

1 dicembre 1970 – 1 dicembre 2020

La legge sul divorzio: 50 anni di civiltà laica

la lunga battaglia parlamentare, la vittoria dei laici, la memoria dei protagonisti

ne parleranno:

Giovanni Crema (già deputato socialista),

Maria Mantello

(Presidente Associazione Nazionale del Libero Pensiero “Giordano Bruno”),

Enzo Marzo (Presidente Critica Liberale),

Gianfranco Spadaccia (già deputato radicale)

con un breve contributo di Beatrice Rangoni Machiavelli

modera Riccardo Mastrorillo (critica liberale)

MARTEDI 1 DICEMBRE ore 18,30

il convegno sarà trasmesso in diretta su facebook https://www.facebook.com/fondazionecriticaliberale

e sul canale youtube di Critica liberale

https://www.youtube.com/channel/UCh6IWhBg-moTHMmE6tWcB7Q

IO SONO UN NO-SEM (con una postilla)

«Ma perché dovrebbe esserci una seconda ondata di contagi?  ‘Sta roba che stanno dicendo, ‘attenzione!, attenzione!, e a ottobre, e a novembre’: è inutile continuare a terrorizzare le persone!». Matteo Salvini, virologo profeta padano, “aria pulita”, 25 giugno 2020

“IO HO DECISO, NON MI FERMO AI SEMAFORI!
Io sono un NO-SEM.
Cioè, se tu vuoi fermarti ai semafori, liberissimo, mica te lo proibisco. Ma io no.
Il semaforo limita la mia libertà di movimento e la mia libertà di scelta individuale. Cose previste dalla Costituzione e dal trattato di Schengen, libertà di circolazione, avete presente?
Io ammiro chi crede davvero che i semafori siano stati concepiti per la nostra “sicurezza”. Sul serio, capisco chi pensa che la vecchietta che attraversa la strada e non finisce sotto la mia macchina, poi PER QUESTO motivo campi altri cent’anni. E’ una cosa che ci hanno indotto a credere da sempre, indottrinandoci ben bene a partire dai nostri genitori (servi inconsapevoli, ahiloro).
Che poi, quelli investiti sulle strisce, siamo sicuri che non avessero altre patologie? Il 70% aveva problemi cardiaci, o problemi respiratori da raffreddore….sono morti PER schiacciamento da auto o CON schiacciamento da auto, ma prima o poi sarebbero morti lo stesso? Non ce lo dicono…..
Fatto sta che nessuno sottolinea mai quanto i semafori consumino elettricità (SOLDI NOSTRI), deturpino il paesaggio e discriminino i daltonici, perché queste sono verità scomode.
E il mainstream non vi verrà mai neanche a dire che ci sono fior di studi SCIENTIFICI che dimostrano al 100% che se un’automobile o un motorino va a forte velocità contro il palo di un semaforo si schianta col rischio anche di MORTE. C’è tutta una letteratura al riguardo per cui i morti contro i pali dei semafori sono milioni. Però i media ne parlano bene e le autorità li impongono cercando di farci passare i semafori come una cosa per il “nostro bene”. (ah ah, sì vabbe’).
Si sa da tempo immemore che anche se una persona a piedi sbatte su un palo di semaforo poi ha delle conseguenze anche permanenti.
Ecco, tutto questo e tanto altro dovrebbe bastare ma non mi interessa fare proseliti, io racconto solo la verità, poi voi fate come volete, intanto io penso con la mia testa pur continuando a prendere multe e sanzioni perché ovviamente vado contro il sistema.
No problem, io proseguo nella mia battaglia illuminata e dico:
No, grazie, io non mi fermo ai semafori”.
(Grazie Amicojo)

[dalla Rete]

[POSTILLA: Apprezziamo lo spirito surreale che anima la Rete e schernisce il negazionismo che parla a vanvera della “libertà”, senza sapere neppure cosa sia. Purtroppo, però, dato che l’idiozia della realtà anticipa la fantasia, dobbiamo constatare che da un paio di decenni l’ignoranza e spesso la malafede hanno distorto l’uso dei concetti e delle parole. Ricordiamo con dispiacere che un liberaloide come Piero Ostellino, imperante un truffatore/corruttore, scrisse un articolo sul Giornale di questo pregiudicato per sostenere la tesi che anche il rosso del semaforo limitava la sua libertà.       e.ma.]

crisi economica e politiche sociali: il “basic income”

Critica liberale dall’inizio dell’emergenza COVID ha sospeso i consueti incontri, che si tenevano nella storica sede di via delle carrozze a Roma, denominati “il lunedì della critica”. Visto il perdurare della crisi, ci siamo dotati anche noi di strumenti per incontri in videoconferenza. Da lunedì 23 novembre prossimo, inaugureremo una nuova serie di incontri che abbiamo chiamato: “situazione critica”.

Lunedì 23 novembre alle 18,30 parleremo di crisi economica e di politiche sociali innovative, in particolare di reddito di cittadinanza, o meglio di “basic income”, strumento di welfare utilizzato in Europa. Ne parleremo con Peppe Allegri* e Giovanni Perazzoli*, massimi esperti italiani.

l’incontro sarà trasmesso in diretta streeming sulla pagina facebook di critica https://www.facebook.com/fondazionecriticaliberale/live/

Continua la lettura di crisi economica e politiche sociali: il “basic income”

tra austerità e riforme: chi pagherà la crisi?

DIALOGO TRA GIOVANNI PERAZZOLI E VERONICA DE ROMANIS

Giovanni Perazzoli: La resistenza nel chiedere l’attivazione del Mes sembra un’impuntatura priva di senso che, oltre ad incidere negativamente sulle risorse della sanità, continua ad alimentare nell’opinione pubblica italiana una forte diffidenza verso l’Europa. C’è chi congettura clausole nascoste e trappole che avrebbero lo scopo di porre all’Italia delle condizioni insostenibili dopo l’adesione. Non sono solo i populisti a seguire questa linea.  Lei ha detto più volte che, se parliamo di numeri e di fatti oggettivi, non dovremmo temere il Mes. Una delle obiezioni che circolano è però che gli altri paesi non hanno richiesto l’attivazione del MES.

 Veronica de Romanis: Il ministro Gualtieri è stato chiarissimo. Il MES non ha altre condizionalità se non quelle sanitarie e lui lo sa, visto che lui ha negoziato il trattato.  Dal punto di vista tecnico non ci sono dubbi. Non ci sono condizioni ex post, come, del resto, non ci sono mai state in nessuno strumento europeo, neanche con il Mes precedente. Il risparmio per l’Italia è calcolato intorno ai 300 milioni l’anno. Non è poco. Quanto al rischio di sorveglianza, bisogna ricordare che la sorveglianza è indipendente dal MES. Per adesso il patto di stabilità è stato sospeso, ma quando verrà ripreso, è chiaro che riprenderà anche la sorveglianza per la stabilità dei conti pubblici. Ma questo non c’entra con il Mes, c’entra con il coordinamento legato al semestre europeo. Sgombrato dunque il campo dalle critiche tecniche, rimane il punto su cui insiste Conte: perché non ne usufruiscono gli altri?  Intanto, un paese grande come l’Italia dovrebbe avere una leadership per fare quello che deve fare, senza doversi accodare con gli altri paesi. Inoltre, mi pare che porsi questa domanda significhi semplicemente non capire la logica degli aiuti europei. L’Europa interviene come mai prima con due tipi di aiuti, uno per l’emergenza e l’altro per la ricostruzione. L’emergenza comprende un fondo della Banca europea per gli investimenti destinato alle imprese, un fondo per il mercato del lavoro (Sure) e infine il Mes. Sono tre strumenti da utilizzare subito per l’emergenza. Con il Mes potremmo comprare vaccini antinfluenzali, ma potremmo anche utilizzarli per migliorare il servizio dei trasporti pubblici, che è una spesa sanitaria indiretta perché siamo in una pandemia. Non mi dilungo in altri esempi.  Si tratta in breve di uno strumento per fronteggiare l’impatto dell’emergenza. Poi è chiaro che ogni paese valuta in relazione alla propria situazione particolare, ovvero in base a quanto gli costa finanziare il proprio debito, oppure in relazione ai problemi nel sistema sanitario ecc. Al MES si può anche ricorrere in modo parziale.  Ogni paese valuta in base alla propria condizione di fatto. Il ministro francese Bruno Le Maire ha detto che per ora non farà ricorso al MES. Ma in futuro potrebbe farlo. La logica dell’Unione europea di lasciare un largo margine di scelta.

Continua la lettura di tra austerità e riforme: chi pagherà la crisi?

la recensione di pierfranco pellizzetti su Micromega al libro di enzo marzo: “I diritti dei lettori”

http://temi.repubblica.it/micromega-online/l-informazione-puo-ancora-essere-salvata/

PER SCARICARE GRATUITAMENTE L’EBOOK clicca qui 

PER INVIARE I VOSTRI COMMENTI: info@criticaliberale.it – www.criticaliberale.it

Per acquistare l’edizione cartacea:   

https://www.biblionedizioni.it/prodotto/i-diritti-dei-lettori/

https://www.ibs.it/diritti-dei-lettori-proposta-liberale-libro-enzo-marzo/e/978883383

https://www.amazon.it/diritti-lettori-proposta-liberale-linformazione/dp/8833831167/ref=sr_1_4?dchild=1&qid=1603549070&refinements=p_27%3AEnzo+Marzo&s=books&sr=1-4

https://www.libreriauniversitaria.it/diritti-lettori-proposta-liberale-informazione/libro/9788833831169

https://www.lafeltrinelli.it/libri/enzo-marzo/i-diritti-lettori-una-proposta/9788833831169

https://www.hoepli.it/libro/i-diritti-dei-lettori-una-proposta-liberale-per-l-informazione-in-catene/9788833831169.html?origin=google-shopping&gclid=CjwKCAjwoc_8BRAcEiwAzJevtbL2Dwh_p-Kw3bV-K5W42DE8mV66U55yRDMdIVjowduUhv_qffvH-RoC5QgQAvD_BwE

USCITO IL N. 74 DI “NONMOLLARE” – SCARICABILE GRATIS QUI E ANCHE SU FATTOQUOTIDIANO.IT

per scaricare il pdf clicca qui E anche su https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/11/20/grazie-biden-hai-battuto-anche-fratelli-ditalia/6010078/

Sommario
la biscondola
4. paolo bagnoli, il veleno del trumpismo resta
cosmopolis
6. angelo perrone, una grande prova per le democrazie liberali
cronache da palazzo
9. riccardo mastrorillo, stati generali & rousseau
res publica
11. antonio caputo, un federalismo irresponsabile
la vita buona
12. valerio pocar, porgiamo aspersi / di soavi licor gli orli del vaso
nota quacchera
14. gianmarco pondrano altavilla, dati, dati e ancora dati
l’osservatore laico
14. redazione di rimarchevole blog, la ‘fratelli tutti’
vista laicamente
lo spaccio delle idee
17. giovanni perazzoli, i nemici della democrazia: demagogia e populismo
20. comitato di direzione
20. hanno collaborato
4. bêtise d’oro
4-5-9-10-13-15-16-19. bêtise
 

“I DIRITTI DEI LETTORI”, UN NUOVO LIBRO DI ENZO MARZO, SCARICABILE QUI GRATUITAMENTE

La libertà di informazione è, bene o male, garantita da costituzioni e da leggi. I media, che avvolgono il globo con le loro reti, si dichiarano liberi, ma sono ovunque in catene. Questo libro di Enzo Marzo, I diritti dei lettori. Una proposta liberale per l’informazione in catene, con interventi di Luigi Ferrajoli e Stefano Rodotà (Biblion edizioni), non vuole essere solo un contributo al dibattito sul degrado avvilente della nostra stampa e televisione, ma soprattutto una proposta politica che deve coinvolgere quanti sono convinti che una delle basi fondamentali di un regime democratico è una comunicazione libera. Il tentativo è di far riconoscere che la comunicazione non ha due protagonisti, editori e giornalisti, bensì tre. Esiste anche il lettore, che oggi non possiede alcun diritto, ma è solo oggetto (pagante) di propaganda, di vere e proprie truffe e vittima di una assoluta opacità del prodotto che acquista.

Essendo una battaglia, vogliamo fare con l’esempio un piccolo passo verso la de-mercificazione dei prodotti culturali che, se fossero riconosciuti quel che sono, ovvero un bene pubblico, dovrebbero avere una circolazione gratuita. Per questo offriamo a chiunque di scaricare il testo integrale del libro. Vi chiediamo in cambio soltanto di contribuire alla diffusione del libro inoltrando a tutti i vostri conoscenti il link da cui lo si può scaricare  e di partecipare al dibattito sulle nostre idee con commenti, critiche e proposte, cui cercheremo di dare la massima diffusione.

Grazie

PER SCARICARE GRATUITAMENTE L’EBOOK clicca qui 

PER INVIARE I VOSTRI COMMENTI: info@criticaliberale.it – www.criticaliberale.it

Per acquistare l’edizione cartacea:   

https://www.biblionedizioni.it/prodotto/i-diritti-dei-lettori/

https://www.ibs.it/diritti-dei-lettori-proposta-liberale-libro-enzo-marzo/e/978883383

https://www.amazon.it/diritti-lettori-proposta-liberale-linformazione/dp/8833831167/ref=sr_1_4?dchild=1&qid=1603549070&refinements=p_27%3AEnzo+Marzo&s=books&sr=1-4

https://www.libreriauniversitaria.it/diritti-lettori-proposta-liberale-informazione/libro/9788833831169

https://www.lafeltrinelli.it/libri/enzo-marzo/i-diritti-lettori-una-proposta/9788833831169

https://www.hoepli.it/libro/i-diritti-dei-lettori-una-proposta-liberale-per-l-informazione-in-catene/9788833831169.html?origin=google-shopping&gclid=CjwKCAjwoc_8BRAcEiwAzJevtbL2Dwh_p-Kw3bV-K5W42DE8mV66U55yRDMdIVjowduUhv_qffvH-RoC5QgQAvD_BwE

BIBLION EDIZIONI

I DIRITTI DEI LETTORI: PER UN’INFORMAZIONE “LIBERATA”

Biblion Edizioni annuncia l’uscita di una nuova pubblicazione: I diritti dei lettori. Una proposta liberale per l’informazione in catene di Enzo Marzo, direttore di “Critica Liberale” e portavoce della “Società Pannunzio per la libertà d’informazione”.

I diritti dei lettori, primo volume della collana “Biblioteca di Critica Liberale”, si concentra sulla necessità di proteggere il lettore, consumatore, oggi, di un’informazione non libera, mediante una politica autenticamente liberale volta a garantire una comunicazione di qualità. L’importanza di uno Statuto, ideato da Enzo Marzo e sostenuto dagli interventi di Luigi Ferrajoli e Stefano Rodotà, si concretizza non solo nel far rispettare finalmente le norme vigenti, ma nel fondare un vero “diritto dei lettori” a un’informazione non inquinata e trasparente. Sono infatti proprio i lettori i protagonisti di un processo conoscitivo essenziale affinché una democrazia sia davvero tale.

«La libertà di informazione è, bene o male, garantita da costituzioni e da leggi. I media che avvolgono il globo con le loro reti si dichiarano liberi, ma sono ovunque in catene. I vincoli, beninteso, sono sempre più virtuali, invisibili, legano le menti e le indirizzano. Quando ci decideremo a fondare giornali strutturalmente liberi? Quando i lettori saranno riconosciuti soggetti di diritti da tutelare?»

 Enzo Marzo, giornalista del “Corriere della Sera” per 35 anni, ha fondato nel 1969 il periodico “Critica liberale” che ancora dirige. È direttore di “Nonmollare – quindicinale online post azionista” e presidente della Fondazione Critica Liberale. Nel 1998 è stato ideatore del “Manifesto laico”, nonché coautore dell’omonimo libro edito da Laterza. Insieme con Paolo Sylos Labini ed Elio Veltri ha fondato “Opposizione civile”, una delle prime associazioni della società civile che si è adoperata contro il regime berlusconiano. Già docente di Profili deontologici della professione giornalistica presso la Scuola Superiore di Giornalismo (LUISS), è tra i fondatori e portavoce della “Società Pannunzio per la libertà d’informazione”. Ha scritto: La voce del padrone. Saggio di liberalismo applicato alla servitù dei media, Edizioni Dedalo, 2006.

Giulia Orsenigo

giuliaorsenigo1@gmail.com

mp 3315634222

BIBLION EDIZIONI srl

Via Mascheroni, 3 – 20123 Milano

Telefono: 02.39.66.00.70

www.biblionedizioni.it

info@biblionedizioni.it

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza dei cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi